verdi del trentino
  scuola di formazione politica e culturale ALEXANDER LANGER

     ANNI ACCADEMICI:            2018-19   2017-18   2016-17   2015-16    2014-15   2013-14   2012-13   2011-12   2010-11   2009-10  2008-09  2007-08   2006-07   2006



  torna a precedente    

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  




anno accademico 2018 / 2019
II sessione: gennaio - giugno 2019

 
Da parte di molti
è avvertita
la mancanza
di occasioni
di formazione
politico-culturale
rispetto ai
principali problemi
del nostro tempo.
I partiti e
i movimenti politici
sono
inevitabilmente
attratti dagli
impegni quotidiani
e spesso dalle
scadenze
elettorali.
Anche per chi
voglia interessarsi
più a fondo
alle vicende
politiche e
istituzionali,
alle questioni
ecologiche,
economiche
e sociali,
alle tematiche
internazionali,
giuridiche ed etiche,
è sempre
più difficile trovare
momenti di
conoscenza e
approfondimento.
Riuscire a
scavare
profondamente
nella complessità
dei problemi,
tentare di
superare i confini
ideologici,
guardare alle
dinamiche e
agli scenari
del futuro
tenendo conto
anche della
storia e della
memoria del
passato,
mettere a
confronto
competenze
scientifiche e
culturali diverse:
questi sono
gli obiettivi
della Scuola di
formazione
politica e culturale
“Alexander Langer”.
Militante politico
e docente,
consigliere regionale
e provinciale,
euro-parlamentare,
eco-pacifista e
autentico umanista,
Alexander Langer
è stato un vero
testimone e profeta
del nostro tempo
ed ha lasciato
una straordinaria
eredità intellettuale,
culturale e politica.
Alla sua figura
è intitolata questa
iniziativa di
formazione politica
e culturale, con
incontri mensili a
carattere seminariale,
aperti a tutte le
persone interessate.
La Scuola Langer
è attiva dal 2006.
Ogni incontro
viene introdotto da
un’ampia relazione
da parte di uno
specialista della
materia, a cui
segue uno spazio
di approfondimento
e discussione con
tutti i partecipanti.

 5. sabato 23 febbraio 2019 

MIGRAZIONI, AFRICA ED EUROPA:
CHE FARE?

Il fenomeno dell’immigrazione dall’Africa
e il ruolo possibile dell’Italia
e della cooperazione internazionale

I flussi migratori in atto dall’Africa verso l’Italia sono un fenomeno strutturale, con il quale dovremo convivere nei prossimi decenni. Per questo, bisogna analizzare in maniera razionale e documentata la questione, al fine di poterla gestire in maniera da coniugare efficacia ed umanità, promuovendo soluzioni che possano essere durature nel tempo. Ciò significa elaborare un approccio capace di affrontare, allo stesso tempo e con un'azione coerente, i problemi relativi alla gestione dei flussi, ai processi di integrazione, alla crescita economica e sociale dei paesi africani. Una politica, questa, che può essere effettiva e sostenibile solamente in dimensione europea.


relatoreMARIO RAFFAELLI

Parlamentare e Sottosegretario alla Sanità e agli Affari Esteri per più legislature. Coordinatore del team dei mediatori nel processo di pace in Mozambico. Presidente del “gruppo di Minsk” per il conflitto nel Nagorno Karabakh. Inviato del Governo italiano in Somalia. Esperto della Presidenza G8 per i processi di pace in Corno d’Africa e per le operazioni di peacekeeping. Presidente di Amref Italia e del Centro Cooperazione Internazionale di Trento.

 


la locandina invito

leggi tutto
in PDF

Trento,
25 febbraio 2019
LA LEZIONE
DEL PRESIDENTE
DI AMREF
ALLA SCUOLA LANGER

«IMMIGRATI, QUESTA POLITICA
NON VA»

Raffaelli: «Ma io sono ottimista
per lo sviluppo dell’Africa»

dal Trentino
di lunedì
25 febbraio 2019
leggi tutto in PDF


 4. sabato 19 gennaio 2019 

LA GEOGRAFIA E LA SOSTENIBILITÀ
AMBIENTALE E ULTURALE

Il ruolo della geografia nella globalizzazione

Che cosa esprime il concetto di sostenibilità? Come si è formato ed è andato elaborandosi nel corso del tempo? A partire dagli anni ‘80 il “paradigma della sostenibilità” ha acquisito un’accezione sempre più ampia, coprendo sia le risorse ambientali sia le risorse socio-culturali. Tra di esse, è universalmente riconosciuta l’importanza delle culture ed identità locali, patrimonio da difendere e preservare per le generazioni future. Il “paradigma della sostenibilità” - “finalizzato al rispetto e alla salvaguardia delle diversità/identità ecologiche, socio-economiche e culturali”- è il nuovo quadro concettuale e teleologico necessario per ogni disciplina e scienza moderna, declinato qui nella presentazione di un approccio geografico alla pianificazione territoriale e salvaguardia del patrimonio, rispettoso delle specificità identitarie locali. Un’occasione per riflettere sulle grandi sfide culturali e ambientali di questi anni.


relatriceElena DAI PRÀ

Professoressa associata di Geografia presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento. È stata responsabile scientifico dei progetti di geo grafia storica applicata: CHARTA, dedicato al censimento della cartografia storica dei territori trentino e veronese, e ETSCH 2000, per lo studio della cartografia storica idraulica per la ricostruzione dell'andamento storico del fiume Adige. Attualmente coordina il progetto «Geostoria urbana e del territorio della Vallagarina e della città di Rovereto». Ha pubblicato numerosi articoli e monografie dedicati alla geografia storica dell’Italia centro-settentrionale, alle applicazioni della cartografia storica nella governance territoriale, ai parchi letterari e alla geografia del turismo sostenibile. È membro dei consigli scientifici e direttivi di numerosi sodalizi accademici come la Associazione Italiana di Cartografia e il Centro per gli Studi Storico-Geografici; è membro di comitati redazionali di riviste accademiche come il Bollettino dell’Associazione Italiana di Cartografia.

 


la locandina invito

leggi tutto
in PDF


anno accademico 2018 / 2019
I sessione: settembre - novembre 2018

 

 3. sabato 24 novembre 2018 

Nel centenario della Prima Guerra mondiale
AGLI DEI PIACQUE DIVERSAMENTE

Novembre 1918.
Vincitori e Vinti sul fronte italo-austriaco

Dove si cerca di raccontare quel che accadde negli ultimi mesi della Prima guerra mondiale sul fronte italo-austriaco. Cosa significò per i trentini la fine della guerra: i civili rimasti, quelli in esilio e i fuoriusciti; cosa significò per i soldati austriaci e per i volontari nell'esercito italiano; cosa significò per gli ex prigionieri. Quale fu il paesaggio che si presentò ai loro occhi dopo la battaglia. Come cominciò a riorganizzarsi la loro vita. Come fu celebrata la vittoria e (non) raccontata la sconfitta. Come fu elaborato il lutto.


relatore diego leoni

Laureato in Storia e filosofia all'Università di Milano, ha insegnato fino alla pensione nella scuola dell'obbligo. Contemporaneamente siè occupato di ricerca storica, prima nei Corsi statali sperimentali per lavoratori, poi nella redazione della rivista storica «Materiali di lavoro», infine nel Laboratorio di storia di Rovereto, che coordina dal 1989. Ha collaborato con i due Musei storici di Rovereto e Trento e con il Mart. In veste di ricercatore ha lavorato sulla storia sociale contemporanea del Trentino e dei trentini, con particolare interesse verso i due conflitti mondiali. Nel 2015 ha pubblicato presso Einaudi un saggio sulla guerra di montagna: «La guerra verticale. Uomini animali macchine sul fronte di montagna. 1915-1918». Si è occupato anche di cinema e fotografia con il contribuito alla realizzazione della Trilogia trentina dei registi Gianikian e Ricci Lucchi, gli studi sulla ricognizione aerofotografica, i lavori sulla fotografia della cattura e morte di Cesare Battisti.

 


la locandina invito

leggi tutto
in PDF


 2. sabato 27 ottobre 2018 

IL SESSANTOTTO SEQUESTRATO

Cecoslovacchia, Polonia, Jugoslavia e dintorni

Nella storia d'Europa dei decenni successivi, il '68 non ci appare tanto rilevante per quel che avvenne a Parigi oppure a Torino, a Berlino, a Milano o a Trento, quanto per i traumi e i rivolgimenti che segnarono quell'area dell'Europa "sequestrata" dall'impero sovietico. Eppure, in quel fatidico '68, i giovani, gli intellettuali e i rinnovatori di quei paesi, i sostenitori di un "socialismo dal volto umano", non trovarono nei movimenti studenteschi dell'Occidente quel solidale sostegno che sarebbe stato necessario. Né lo ebbero dai partiti comunisti europei. Perché? E perché in molte ricostruzioni storiche complessive è prevalsa spesso una sostanziale rimozione di questi aspetti? A queste domande e a questi nodi Guido Crainz cercherà di dare una risposta.


relatore Guido CRAINZ

Guido Crainz, già esponente del movimento studentesco del ’68 nell’Università di Pavia e poi di Lotta continua, è stato per decenni docente di Storia contemporanea all'Università di Teramo. Attualmente è commentatore del quotidiano La Repubblica. Con la casa editrice Donzelli ha pubblicato: «Padania. Il mondo dei braccianti dalla fine dell'Ottocento alla fuga delle campagne»; «Storia del miracolo italiano. Culture, identità, trasformazioni fra anni Cinquanta e Sessanta»; «Il paese mancato. Dal miracolo economico agli anni ottanta»; «Il dolore e l'esilio. L'Istria e le memorie divise d'Europa»; «L'ombra della guerra. Il 1945, l'Italia»; «Autobiografia di una repubblica. Le radici dell'Italia attuale»; «Il paese reale. Dall'assassinio di Moro all'Italia di oggi»; «Diario di un naufragio. Italia, 2003-2013»; «Storia della Repubblica. L'Italia dalla Liberazione ad oggi»; «Aggiornare la Costituzione. Storia e ragioni di una riforma»; «Il Sessantotto sequestrato».



la locandina invito

leggi tutto
in PDF

LE IMMAGINI

Trento,
28 ottobre 2018
CRAINZ
SULLA SINISTRA:
«IL PD VA RIFONDATO»

dal Corriere
del Trentino di domenica
28 ottobre 2018
leggi tutto in PDF


 1. sabato 15 settembre 2018 

I NUOVI PARADIGMI DELLO SVILUPPO URBANO

"Un progetto per Trento".
Strategie per l’urbanistica,
mappe per la comunitÀ, idee per la politiCA

Che cosa sono le città? Perché rappresentano un dispositivo indispensabile dell’evoluzione umana? Come sono nate e si sono trasformate nel corso della storia? Che cosa rende una città un luogo di crescita economica, sociale e culturale? Perché quelle contemporanee devono essere creative e resilienti, sostenibili e intelligenti? Nel libro Un progetto per Trento vengono date risposte a queste domande e viene rivolta particolare attenzione al ruolo svolto dalla città di Trento nella costruzione del sostrato economico e dell’immaginario collettivo dei trentini. Un’occasione per riflettere sul senso della costruzione urbana, con riferimento a temi, idee e strumenti che amministratori, progettisti e cittadini consapevoli possono perseguire per la città di domani.


relatore ALESSANDRO FRANCESCHINI

Alessandro Franceschini è nato e vive a Trento. Architetto di professione, da tempo osserva con passione le dinamiche urbanistiche, socio-economiche e culturali che interessano la sua città natale, a cui ha dedicato interventi sui quotidiani, studi accademici, ricerche storiche e progetti urbanistici. Attualmente è vicepresidente dell’Ordine degli Architetti e direttore della rivista UCT (Uomo città territorio). In dialogo con la giornalista Marika Giovannini, ha recentemente pubblicato il volume Un progetto per Trento (BQE Edizioni, Trento, 2018).



la locandina invito

leggi tutto
in PDF


Alexander Langer

Coordinatore:
Roberto
De Bernardis

tel. 0461 991716
cell. 338 6374793
robertodebernardis
@gpmail.eu

Segretaria:
Emma Di Girolamo
tel. 0461 235753
cell. 339 7601363
emmadigirolamo4
@gmail.com



Sede incontri:
TRENTO
SALA CONFERENZE
della FONDAZIONE
CARITRO
in Via Calepina 1
(dietro al Duomo)

Orario incontri :
ore 15 - 18.30

 

© 2000 - 2019    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
   
torna su