verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2020

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Trento, 30 settembre 2016
L'INTERVENTO
Lucia in giunta, tutto deciso: poi il silenzio
di Marco Boato, già parlamentare dei Verdi
dal Corriere del Trentino di venerdì 30 settembre 2016

Ho letto e condiviso le pacate riflessioni critiche che, sul Corriere del Trentino di ieri, Luca Malossini ha dedicato alla tormentata vicenda del Comune di Trento, sotto il titolo significativo e preoccupante «La burrasca non è finita». Che non sia finita, lo si è verificato incredibilmente l’altra sera in Consiglio comunale, dove la variazione di bilancio è stata approvata con la striminzita maggioranza di soli 21 voti: se il buon giorno si vede dal mattino...

Soltanto in un passaggio Luca Malossini usa un termine forte nei confronti di Andreatta, parlando di «una decisione da azzeccagarbugli piuttosto che da amministratore». È una espressione molto dura e sprezzante, che forse io non avrei usato, ma che ha un fondamento su come sono andate effettivamente le cose.

Non posso parlare a nome di altri, ma per quanto riguarda i Verdi forse è il caso di ricapitolare quanto è avvenuto.

Ormai tre settimane fa, il 9 settembre siamo stati tra i primi a essere ricevuti dal sindaco. Ad Andreatta abbiamo detto di non avere nessuna rivendicazione da proporgli, pur avendo chiesto all’inizio della consiliatura di poter assumere l’assessorato all’ambiente, considerando anche l’ottima esperienza fatta in quell’incarico da Aldo Pompermaier, nell’ultima giunta Pacher, in materia di rifiuti, mobilità, energia e altro ancora. Il sindaco non diede seguito alla nostra richiesta e propose Lucia Coppola per la presidenza del Consiglio comunale. Accettammo senza recriminazioni e Lucia Coppola ha assolto a quel mandato — che non è stato frutto di una nomina, ma di un voto quasi unanime del Consiglio — nel migliore dei modi, come le viene riconosciuto da più parti.

Nel corso di quell’incontro, Andreatta ci espose le sue intenzioni iniziali, che ora sono state totalmente smentite dalle scelte fatte. Noi ci siamo impegnati alla riservatezza e, in queste settimane di travaglio (un parto assai difficile), non una sola nostra dichiarazione è uscita sui giornali, che pure erano ogni giorno ricchi di richieste e proposte altrui. Anche nell’incontro informale tra i rappresentanti dei partiti del 24 settembre non abbiamo avanzato alcuna richiesta e abbiamo preso atto soltanto delle dichiarazioni di altre forze politiche. In quella sede il Patt ci avvisò che aveva chiesto al sindaco di sostituire l’assessora all’ambiente Marika Ferrari con Lucia Coppola, chiedendo per Alberto Pattini la presidenza del Consiglio comunale. Anche in quel caso nessuna rivendicazione da parte nostra. Notavamo soltanto che era il Patt a chiedere la sostituzione della sua assessora e registravamo che almeno si proponeva un’altra donna al suo posto.

Qualche giorno fa il sindaco telefonava a Lucia Coppola per annunciarle la sostituzione e addirittura martedì mattina le illustrava già le procedure per lasciare la presidenza del Consiglio e per prepararsi ad assumere l’assessorato all’ambiente, annunciandole che la nomina l’avrebbe ufficializzata nella conferenza stampa.

Come sono andate le cose, è cronaca di poche ore fa. Nulla i Verdi avevano chiesto, ma certo Andreatta ha dimostrato una singolare coerenza politica, smentendo le sue decisioni annunciate e addirittura — e questa è davvero una scelta molto grave — eliminando l’autonomia dell’assessorato all’ambiente, accorpandolo alla cultura. Una scelta incredibile, che credo non abbia precedenti in alcun Comune capoluogo di tutta Italia: dovunque c’è nella sua autonomia l’ambiente e anzi spesso viene implementato e rafforzato, essendo diventato uno dei settori strategici per amministrare le città del futuro.

Sono davvero finite le fibrillazioni nei tre partiti maggiori? Non andremo più incontro a sorprese in aula consiliare e a continue dichiarazioni polemiche sui giornali? A giudicare dalle prime reazioni «del giorno dopo», parrebbe proprio di no. Non ne esce rafforzato né il sindaco Andreatta, né la coalizione nel suo insieme, visti i commenti dei vari partiti. Anche in questo caso, i Verdi hanno mantenuto riservatezza e lealtà, come sempre. Ma dire che siamo convinti delle scelte fatte, sarebbe davvero troppo. Non si può confondere la lealtà con l’ipocrisia. Comunque, speriamo che la nuova alba nasca.

Marco Boato
Già Parlamentare dei Verdi

 

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su