verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2020

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Trento, 15 giugno 2017
Legge elettorale, ignoranza storica nel centrosinistra
di Marco Boato
dal Corriere del Trentino di giovedì 15 giugno 2017

Dopo l’approvazione dell’emendamento Biancofiore-Fraccaro sulla legge elettorale (giovedì 7 alla Camera), si è sviluppato un dibattito per molti aspetti confuso e inconcludente. Si può, come hanno fatto Svp e centrosinistra autonomista trentino, dissentire anche radicalmente da quell’emendamento, ma è infondato dichiararlo «incostituzionale» e ancor più lesivo dell’Autonomia, come hanno fatto Lorenzo Dellai e molti altri.

Del resto, lo stesso Dellai aveva firmato una pregiudiziale di costituzionalità (votata e bocciata il giorno prima), che, se approvata, avrebbe interrotto l’iter dell’intera legge.

Qualcuno ha detto e scritto che con l’emendamento approvato si cancellavano decenni di norme «speciali» per il Trentino-Alto Adige/Südtirol e si violavano l’Autonomia e la Costituzione. Niente di più falso, e sono allibito di fronte a tanta ignoranza storica e costituzionale.

Provo a riepilogare per chi ha perso la memoria. Dal 1948 al 1992 si è votato per la Camera con una legge elettorale proporzionale (e per il Senato con i collegi uninominali proporzionali, non maggioritari, salvo per chi superasse la soglia del 65% dei voti). Dal 1994, si è votato con la legge elettorale Mattarella, che prevedeva in tutta Italia i collegi uninominali maggioritari per il 75% dei seggi sia alla Camera sia al Senato, prevedendo la soglia del 20% nelle circoscrizioni dove si presentavano, nella quota proporzionale, liste espressioni di minoranze linguistiche (è questa la norma a tutela in particolare della Svp, che resta valida, contrariamente a quanto affermato da taluno). E questo è stato il sistema elettorale con cui si è votato anche nel 1996 e nel 2001.

Dal 2006, e poi nel 2008 e nel 2013, si è votato in forza della nuova legge elettorale Berlusconi-Calderoli: proporzionale, con le liste bloccate e col premio di maggioranza (di cui si è avvalso nel 2006 e nel 2013 il centrosinistra e nel 2008 il centrodestra), legge poi dichiarata parzialmente incostituzionale con la sentenza numero 1 del 2014. Dunque, fino a questa legislatura, anche nel Trentino-Alto Adige i deputati sono stati eletti con tale sistema, uguale per tutta Italia (salvo la soglia, già ricordata, del 20% per le liste di minoranze linguistiche). Ciò significa che gli attuali deputati del Trentino-Alto Adige non sono stati eletti in collegi uninominali, ma con liste proporzionali e con il premio di maggioranza (di cui nel 2013, all’inizio di questa legislatura, hanno goduto il Pd, ma anche la Svp-Patt e Sel, accomunati in un’unica coalizione). Così sono stati eletti Bressa, Nicoletti e Gnecchi ( Pd), i deputati della Svp-Patt, Kronbichler (Sel), Dellai (Scelta civica) e Fraccaro (M5s).

Diverso è sempre stato, dal 1992 in poi, il caso del Senato, con i collegi previsti in forza della misura 111 del «Pacchetto» del 1969 (collegi divenuti maggioritari dal 1994 fino ad oggi). I collegi uninominali maggioritari per la Camera non ci sono quindi mai stati per il solo Trentino-Alto Adige come eccezione rispetto al resto d’Italia. Sono stati tuttavia introdotti nella legge Renzi-Boschi (il cosiddetto «Italicum») durante la presente legislatura e perciò non sono mai stati applicati. E la legge è stata dichiarata parzialmente incostituzionale dalla Corte, senza tuttavia toccare i collegi previsti per il Trentino-Alto Adige. Ciò significa che tali collegi non sarebbero incostituzionali, ma non è neppure incostituzionale la loro soppressione, perché tale «eccezione» (che ovviamente piace alla Svp e al centrosinistra autonomista) non è prevista da alcuna norma di garanzia per le minoranze linguistiche, contrariamente a quanto dichiarato inconsapevolmente da Renzi, e da molti altri con lui a livello regionale.

Si può quindi dissentire liberamente dall’emendamento Biancofiore-Fraccaro, ma è privo di senso continuare a riempirli di insulti e di accuse di incostituzionalità. Accuse prive di fondamento. Sono da sempre appartenente al centrosinistra autonomista (e prima all’Ulivo e all’Unione di Prodi) e non ho certo particolari simpatie per i due deputati né per il loro emendamento. Ma credo sia giusto e doveroso ristabilire la verità storica e costituzionale, a fronte di tanta demagogia e ignoranza. «Amicus Plato, sed magis amica veritas» dicevano giustamente gli antichi.

Marco Boato
ex Parlamentare dei Verdi

 

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su