verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2020

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 



Trento, 20 settembre 2019
EFFETTO RENZI
MARCO BOATO SU "ITALIA VIVA"
Intervista a Marco Boato de l’Adige di venerdì 20 settembre 2019
(parzialmente pubblicata)

Cosa ne pensa del nuovo partito di Renzi? Cosa la convince e cosa no?
Rispetto la scelta di Matteo Renzi e di chi lo ha seguito in questa prima fase, in Parlamento e fuori. Personalmente, insieme ai Verdi trentini e italiani, sono sempre stato alleato del PD nelle diverse coalizioni nazionali e locali. Ora, al complesso panorama politico del centro-sinistra, si aggiunge anche questa nuova formazione che punta al centro, ma sempre nell’ambito dello stesso centro-sinistra. Se servirà ad allargare quest’area, potrà essere un fatto positivo. Se invece creerà una instabilità nell’area di governo, a causa di un malinteso protagonismo, il mio giudizio sarà negativo. Italia Viva non dovrà puntare a sottrarre consensi al PD, ma a conquistare nuove e diverse aree di consenso.

Come considera la reazione dei dirigenti del PD che bollano negativamente l'operazione?
Quella di una “separazione consensuale” era francamente una illusione da entrambe le parti. La reazione negativa da parte del PD è comprensibile, come lo è stata nel caso precedente di Calenda. A differenza di Calenda, tuttavia, Italia Viva dichiara di sostenere apertamente l’attuale Governo, di cui alcuni suoi esponenti – due ministri e un sottosegretario - fanno ora parte nella loro nuova veste politica. Per questo, superato il trauma iniziale, è auspicabile che anche il PD prenda atto della nuova situazione, senza ulteriori fibrillazioni, che non gioverebbero a nessuno.

Aderirà al nuovo partito e come i Verdi si confronteranno con Italia Viva?
Come ho dichiarato giovedì a Trento, intervenendo nel dibattito con Ettore Rosato, col quale ero stato collega in Parlamento, né io personalmente né i Verdi abbiamo alcuna intenzione di confluire in Italia Viva, formazione con la quale avremo semplicemente un rapporto di leale confronto e di dialogo come con l’intero centro-sinistra.

Quali conseguenze avrà sullo scenario politico locale questa iniziativa?
Nell’immediato credo non ci sarà alcuna conseguenza, anche perché Italia Viva ha dichiarato di puntare solo alle future elezioni politiche a fine legislatura, probabilmente nel 2023, e non alle elezioni amministrative e regionali. Anche se quindi Italia Viva non si presenterà alle prossime elezioni amministrative in Trentino, è auspicabile che contribuisca comunque al sostegno delle coalizioni di centro-sinistra che si presenteranno nei principali comuni, con o senza la presentazione di eventuali loro candidati e candidate nelle varie liste che si formeranno.

 

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su