verdi del trentino
  Marco Boato - attività politica e istituzionale
   

articoli dalla stampa
2016 - 2020

articoli dalla stampa
2011 - 2015

articoli dalla stampa
2006 - 2010

articoli dalla stampa
2000 - 2005

atti parlamentari
2006 - 2008

atti parlamentari
2000 - 2005

torna a precedente  

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 

Trento, 24 aprile 2016
«Centrosinistra, una follia autodistruttiva
Contrasti dalle primarie. Il Pd si chiarisca»

Boato (Verdi) e l’alleanza: «Svolta subito. Staffetta, un errore. Subalterni all’Alto Adige»
dal Corriere del Trentino di domenica 24 aprile 2016

«Una follia autodistruttiva». È questo il «male» del centrosinistra autonomista secondo Marco Boato, ex parlamentare, esponente di lungo corso dei Verdi regionali.

Quali sono le ragioni di fondo dell’instabilità politica provinciale?
«La causa principale risale all’esito delle primarie del 2013: il Pd le ha perse solo per i contrasti interni e non ha mai digerito la vittoria di Ugo Rossi, che è sempre stato messo in discussione. Non si è mai conclusa la campagna elettorale del 2013 ed è iniziata quella per il 2018. Una situazione che logorerebbe chiunque».

Rossi cerca un rilancio da «sancire» nel vertice di martedì. Basterà?
«Sono proposte necessarie, ma non sufficienti. Da circa un anno la situazione è condizionata negativamente dalle fibrillazioni nei tre partiti principali, in permanente fase “congressuale”. Si parla di nomi anziché del futuro del Trentino nel contesto italiano ed europeo. Una follia autodistruttiva».

Si rischia di passare i due anni e mezzo restanti della consiliatura lottando per la leadership nel 2018?
«Se non ci sarà una svolta radicale, che finora vedo solo annunciata, sarà questo il rischio principale. La minaccia di dimissioni di Rossi è fortunatamente rientrata e sarebbe stata suicida per tutti. Mi auguro che il congresso del Pd chiuda questa fase di fibrillazione continua».

Il Pd a “guida Olivi” la convince? E la staffetta per A22?
«Olivi ha oscillato tra la voglia di “rivalsa” rispetto al 2013 e il desiderio di assumere la guida del suo partito. Mi auguro che a maggio il Pd risolva il proprio quadro interno. L’ipotesi di staffetta per la presidenza dell’A22 mi sembra l’ultimo sottoprodotto di questo stato confusionale. Condivido il giudizio del capogruppo Manica, che è stato duramente redarguito per aver detto quello che pensano in molti fuori dal “palazzo” del potere».

Cosa pensa del rapporto con l’Alto Adige anche in vista del Terzo Statuto?
«I rapporti formali con l’Alto Adige sono buoni, ma c’è una permanente subalternità del Trentino. Manca una visione complessiva del processo “costituente” e una condivisione dei problemi istituzionali, a cominciare dal ruolo imprescindibile della Regione».

 

  Marco Boato

MARCO BOATO

BIOGRAFIA


  
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su