verdi del trentino
    Aldo Pompermaier - attività politica e istituzionale
   

articoli e iinterventi 2010 - 2020

articoli e interventi 2000 - 2009

torna a precedente
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 7 settembre 2009
Inceneritore: «È una piovra pericolosa»
Pompermaier (Verdi): ci farà arretrare
dal Trentino di lunedì 7 settembre 2009

«Possiamo farne a meno. Con il porta a porta e la tariffa puntuale potremo andare oltre l’80% di differenziata. Una volta fatto il “mostro”, avremo una piovra che avrà sempre bisogno di rifiuti per alimentarsi». Aldo Pompermaier, ex assessore comunale o oggi vicepresidente dei Verdi, rilancia con forza il no all’inceneritore.

Pompermaier, dire oggi che si può fare a meno dell’inceneritore non è poco responsabile? Come si smaltisce ciò che resta a valle della differenziata?
Invito a concentrarsi sui risultati: nelle zone in cui è partito il porta a porta si è superato il 70% di raccolta differenziata e la produzione di indifferenziato procapite è calata a 80 chili l’anno. Con la tariffa puntuale possiamo aumentare la differenziata di un altro 10%. Arrivare all’80% non è utopia.

Sì, ma il 20% che resta? Il piano stabilisce che il Trentino non esporti i propri rifiuti.
Oggi spendiamo un milione di euro all’anno per smaltire a Verona l’organico ed esportiamo rifiuti tossici e pericolosi. Dovremmo preoccuparci di portare fuori un 15% di rifiuto secco, sicuro, che può essere riutilizzato dalle aziende. Sarebbe sicuramente inferiore alle scorie prodotte dall’inceneritore, che dovranno essere smaltite in discariche specializzate che non abbiamo.

Non è più realistica l’opzione di un impianto modulare?
L’inceneritore non è solo negativo per l’ambiente e la salute, ma anche economicamente. Nei contratti che ho visto i Comuni si impegnano a smaltire un tot di rifiuti per almeno 15-20 anni. Una volta fatto il “mostro”, avremo una piovra che avrà sempre bisogno di rifiuti. E questo metterà a rischio tutto il lavoro fin qui fatto.

A favore dell’inceneritore c’è stato però un referendum e diverse elezioni.
Ci sono state anche bugie. Nel 2000 ci dissero che la discarica di Ischia Podetti si sarebbe esaurita nel 2004 e così il consiglio comunale disse sì.

       Aldo Pompermaier, presidente dei Verdi del Trentino

ALDO
POMPERMAIER


BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
       
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
   
 

torna su