verdi del trentino
    Aldo Pompermaier - attività politica e istituzionale
   

articoli e iinterventi 2010 - 2020

articoli e interventi 2000 - 2009

torna a precedente
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 19 dicembre 2009
Per fare gli inceneritori falsificano anche i dati
lettera di Aldo Pompermaier
da l’Adige di sabato 19 dicembre 2009

L’occasione di leggere ancora una volta come l’informazione scorretta produce gravi danni alla salute dei cittadini mi induce a fare alcune riflessioni sul tema.

L’associazione medici per l’ambiente, affiliata all’International Society of Doctors for the Environment, ha denunciato che sono stati pubblicati, addirittura su documenti ufficiali della Regione Sicilia, i risultati di uno studio scientifico in cui risultano modificati, per attestare l’innocuità degli inceneritori e supportare la scelta dell’incenerimento dei rifiuti in documenti a uso delle Amministrazioni.

Mentre l’autore dello studio affermava che c’era qualche legame di incidenza tra mortalità per cancro e vicinanza all’inceneritore, nell’articolo tradotto figurava il contrario. Stravolgere i risultati provenienti da letteratura scientifica oltre che scorretto è diabolico. Ma, pensando a quello che hanno messo in campo le industrie del tabacco o le industrie che producevano l’amianto non può essere una novità, ma sicuramente un campanello d’allarme per comprendere che quando gli interessi economici sono alti, il pericolo è che il potente di turno sconvolga l’informazione anche utilizzando fior fior di scienziati.

E così, pensando allo splendido inceneritore di Brescia, che nelle sue patinate brochure, viene descritto come il massimo del contributo al miglioramento ambientale, elimina i rifiuti, riscalda le case ecc., fa dimenticare che gli inceneritori producono più rifiuti di quanti ne elimina tra scorie, ceneri più o meno tossiche, polveri filtrate e tonnellate di anidride carbonica, principale responsabile dei gas serra. «Incenerire significa usare l’aria come una discarica». Pensando a Copenaghen e al nostro inceneritore che incombe sulle nostre teste e di quelli che verranno dopo di noi, mi viene da pensare che il primo provvedimento che dovrebbero adottare è quello, non tanto di ridurre le emissioni, ma quanto di evitare che altri impianti ne producano di nuove. Il «taroccamento» di dati, le false notizie, l’utilizzo artefatto o strumentale di studi scientifici e di analisi di laboratorio non riusciranno a smorzare le preoccupazioni delle comunità coinvolte finché ci sono associazioni, cittadini e persone per bene che lottano e si impegnano e che non si lasciano influenzare dalle facili e remunerative (per loro) soluzioni.

Aldo Pompermaier

       Aldo Pompermaier, presidente dei Verdi del Trentino

ALDO
POMPERMAIER


BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
       
© 2000 - 2020    
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
   
 

torna su