verdi del trentino
    archivio generale articoli, lettere, comunicati e interviste dalla stampa
ANNI:
  2019 - 20 2017 - 18 2015 - 16 2013 - 14 2011 - 12 2009 - 10 2007 - 08 2005 - 06 2003 - 04 2000 - 02
torna a precedente    
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 20 dicembre 2013
Verdi all’attacco: inascoltati
«L’aggiornamento della gestione rifiuti va ridiscusso»
Gli ecologisti chiedono un confronto aperto e ipotizzano un impianto di riciclo alla Whirlpool

da l’Adige di venerdì 20 dicembre 2013

Critiche dei Verdi alla giunta provinciale sull’aggiornamento del Piano rifiuti: «Sarebbe già pronto senza che ne siano stati resi noti i contenuti, che sia stato condiviso prima con le forze della coalizione e con le associazioni ambientaliste che avrebbero potuto portare idee e proposte», scrivono i portavoce, Marco Ianes e Lucia Coppola, e il presidente Aldo Pompermaier.

«In più occasioni – aggiungono - abbiamo proposto alla coalizione il tema della gestione dei rifiuti, sulla quale abbiamo sempre sostenuto idee di recupero dei materiali, tramite trattamento meccanico, al fine di reintrodurli nei cicli produttivi. Senza incenerire o senza camuffare la chiusura del ciclo tramite produzione di combustibile che andrebbe a finire in cementifici, veri e propri piccoli inceneritori. Da queste scelte e da questi metodi, che ci paiono appartenere a metodologie passate che credevamo superate assieme alla scelta dell’inceneritore, gli ecologisti e civici verdi europei si dissociano totalmente, chiedendo una pronta discussione».

Nello specifico, si punta sul ciclo produttivo di recupero dei materiali (si arriva a riciclare in questo secondo passaggio circa l’80% del residuo) che «è un business in espansione».

Ianes propone di valutare una conversione industriale in questo senso del sito Whirlpool. «Vi si può realizzare - spiega - un impianto di trattamento meccanico del residuo indifferenziato. Il luogo ben si presterebbe per locazione, dato che è vicino alla tangenziale e pure all’autostrada, evitando così la costruzione di un ponte sull’Adige che sarebbe previsto per l’insediamento a Ischia Podetti e evitando, inoltre, la costruzione di un ulteriore “scatolone” in cemento in quella zona. Nel sito Whirlpool, inoltre, vi è già una notevole disponibilità di energia elettrica.

Rimane da progettare il percorso di conversione e adattamento delle strutture e calibrare il sistema, magari analizzando soluzioni che prevedano il recupero delle materie e non la gestione dei rifiuti, sulla traccia del famoso “progetto Cerani” che, già un paio di anni fa, grazie all’interessamento dei comuni della piana Rotaliana e spinto dalle associazioni ambientaliste come Coordinamento Trentino pulito e Nimby Trentino, era stato proposto in alternativa all’inceneritore. Ora i tempi sono maturi e la struttura Whirlpool, potrebbe rappresentare un punto di partenza di una più vasta conversione industriale».

      

Trento,
19 dicembre 2013
Comunicato stampa
dei Verdi
del Trentino
sulla gestione
dei rifiuti e l'aggiornamento
del piano rifiuti
provinciale
leggi tutto in PDF

 

   

torna su