verdi del trentino
    archivio generale articoli, lettere, comunicati e interviste dalla stampa
ANNI:
  2019 - 20 2017 - 18 2015 - 16 2013 - 14 2011 - 12 2009 - 10 2007 - 08 2005 - 06 2003 - 04 2000 - 02
torna a precedente    
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 26 settembre 2015
OLTRE LA PAURA
Clima e immigrati, vere sfide dell'Europa
di Sandro Boato
da l’Adige di sabato 26 settembre 2015

Il primo quindicennio del nuovo millennio ha portato al pianeta Terra cambiamenti tali che i più attenti osservatori del fine duemila avrebbero considerato prevedibili al termine di questo secolo. I più rilevanti riguardano il surriscaldamento climatico - con ulteriore inquinamento atmosferico e riduzione dell'acqua dolce già molto scarsa - e lo spostamento di singoli e di intere popolazioni dall'Africa subsahariana e orientale, e dal Medio Oriente, verso una Europa centrale sorpresa dalla vastità del fenomeno e incapace di reggere il ruolo fondamentale dell'accoglienza.

Gli spostamenti migratori - spesso causa di morte per donne e bambini in particolare, ma anche per intere famiglie - sono dovuti alle guerre che ignorano i diritti umani più elementari e distruggono abitazioni e servizi sociali, chiese moschee e sinagoghe, retaggi e testimonianze della storia urbana dell'umanità. Ma la spinta all'emigrazione dei più giovani viene anche dal peggioramento delle condizioni di vita a fronte della ricchezza trasmessa dai mass media dell'Occidente e dalla repressione politica e sociale di dittature militari fondate sull'abuso delle risorse pubbliche sottratte alla popolazione affamata e ormai senza futuro.

Una terza causa del disagio esistenziale e politico, sorprendentemente emerso nelle forme più diverse nell'anno in corso, è la assenza di unità e convergenza strategica tra i governi dell'Unione europea, non ancora in grado di coordinare e mettere in moto un programma comune, solidale con tutti i paesi componenti la auspicabile confederazione, aperta e trasparente verso le più diverse provenienze dei migranti e anche garante di equità e sicurezza.

L'opposizione di alcuni stati dell'Europa orientale all'accoglienza verso i richiedenti asilo e quella di minoranze nostalgico-nazionaliste anche nei paesi latini, rappresentano ostacolo all'unità politica europea oltre che al principio di solidarietà. La illusione di fermare la storia dovrebbe confrontarsi con i molti errori e orrori del passato e con i veleni del nazionalismo. Ma anche accompagnarsi con una scelta per il futuro di una società in crisi economica e soprattutto demografica, con sempre meno giovani e tanti anziani, bisognosa di rinnovarsi e di scoprire la dimensione ambientale e culturale di tale crisi.

L'estate lunga e caldissima di quest'anno conferma l'andamento del clima tra due estremi (acqua e fuoco) e la fragilità del territorio italiano. Una ragione specifica per affrontare l'emergenza migrazione guardando lontano, garantendo da subito i diritti civili e rispondendo nel contempo alla imperiosa necessità di governare l'Europa. A partire dalla salvezza fisica degli aspiranti a una condizione umana di vita e dal superamento dei nostri timori e contraddizioni.

L'Italia non manca di iniziative coraggiose (come «Mare Nostrum») e di seri tentativi di rinnovamento (come la svolta riformatrice del governo attuale). Ma l'azione positiva viene soffocata dal corporativismo e dalla indifferenza diffusa, mentre l'azione negativa - crimine organizzato e corruzione massiva - permea l'economia e le istituzioni, osteggiando e denigrando l'impegno ambientalista a difesa delle risorse naturali paesaggistiche e culturali, e sgretolando le aspirazioni di cambiamento e di giustizia. Anche il messaggio di papa Francesco risuona come sveglia per un popolo senza fiducia e spesso senza morale - e per una Europa carica di egoismi e paure.

 

      

archivio articoli
dell'autore

sandro boato

altre pubblicazioni
dell'autore in
biblioteca verde

 

   

torna su