verdi del trentino
    archivio generale articoli, lettere, comunicati e interviste dalla stampa
ANNI:
  2019 - 20 2017 - 18 2015 - 16 2013 - 14 2011 - 12 2009 - 10 2007 - 08 2005 - 06 2003 - 04 2000 - 02
torna a precedente    
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 8 luglio 2004
L’AMBIENTE IGNORATO
Cambiamenti climatici, specie vegetali in estinzione, il nucleare, gli OGM
di Sandro Boato
pubblicato su l’Adige di giovedì 8 luglio 2004

“L’alba del giorno dopo”, un film definito da alcuni frettolosamente catastrofista, è in visione a Trento da oltre un mese. Molti dunque gli riconoscono un messaggio fondato, non ideologico: il limite della sostenibilità ecologica è stato superato, i cambiamenti climatici per la prima volta dipendono dalla follia umana e non dalla natura.

È di questi giorni un messaggio ancora più diretto e preoccupante: il tornado, la tempesta equatoriale, che aveva tradizionalmente finora devastato parti dei Caraibi e degli Stati Uniti, si è presentato in Europa, nella Germania settentrionale e - con minore intensità - a Bolzano, a Verona e marginalmente anche a Trento (5 luglio).

Ormai non solo ambientalisti e verdi, ma anche gruppi istituzionali e riviste scientifiche, consulenti dell’Onu e di governi occidentali, dipartimenti universitari denunciano che è avviata la sesta estinzione massiva di specie viventi (vegetali e animali) nella storia del pianeta, che stiamo tergiversando sul protocollo di Kyoto, per non aggravare l’effetto serra, mentre occorrerebbero misure assai più radicali.

Ne è conferma locale uno studio del Museo tridentino di scienze naturali, secondo cui sono a rischio il 30,6% delle specie vegetali in provincia. Tra le cause principali si segnala il “mutamento d’uso del territorio”. Dunque emblematicamente l’iniziativa del carosello sciistico Pinzolo-Campiglio. grandi impianti, piste autostradali, parcheggi e riserve d’acqua per la neve artificiale (trascurando altre conseguenze edilizie) - è il più irresponsabile contributo del Trentino, delle sue istituzioni politiche e amministrative, dell’imprenditoria economica e finanziaria, alla degradazione paesaggistica ed ambientale, al sovra-consumo energetico, all’inquinamento idrico ed atmosferico.

Ciò è tanto più grave in una provincia con più risorse naturali, più poteri legislativi, più disponibilità finanziarie che altrove in Italia; da cui si aspetterebbe una strategia esemplare per correggere la rotta sin qui seguita, di un modello economico ecologicamente distruttivo.

NON C’È CENTRO-SINISTRA CHE TENGA

Siamo tutti contaminati dalla illusione di uno sviluppo senza limiti, e stiamo svendendo risorse irrecuperabili, a spese delle generazioni più giovani e delle future. Siamo sordi e ciechi, se abbiamo ancora il coraggio di tirare in campo l’autostrada Valdastico, dovendo ridurre e non incrementare il traffico nelle valli alpine, di mirare ancora prioritariamente allo sci meccanizzato, nonostante i ghiacciai alpini stiano sparendo, le temperature invernali aumentando ed i parchi naturali affermandosi.

* * *

Affronto schematicamente altri due temi d’attualità, che confermano una generale perdita di orientamento, l’incapacità o non-volontà di cogliere - proprio nell’età della globalizzazione - una prospettiva d’insieme, e cioè appunto globale: la questione dell’energia nucleare e quella degli organismi geneticamente modificati (OGM).

L’ORRORE DELLE SCORIE NUCLEARI

Riflettendo un’opinione condizionata dall’alto costo dell’energia in Italia e dalla assenza di iniziativa nei campi dell’energia rinnovabile, Paolo Mieli (Corriere) invita a “riscoprire il nucleare per combattere l’effetto-serra”, essendo le scorie - secondo Carlo Rubbia - stoccabili in siti profondi o inceneribili”, non quindi un problema di sicurezza, ma politico. A parte il più recente orientamento di Rubbia verso l’idrogeno e il solare, il caso di Chernobyl dimostra proprio il contrario, che cioè “le scorie costituiscono una bomba più pericolosa di prima” (Repubblica, 4 luglio), poiché il poderoso sarcofago di calcestruzzo e ferro, costruito intorno al reattore 18 anni fa, non tiene più e mancano all’Ucraina i soldi per costruirne uno più esterno, che comunque avrebbe durata limitata. Le scorie in realtà - non soltanto a Chernobyl – rappresentano un terrificante interrogativo ovunque. Tant’è vero che organizzazioni criminali internazionali stanno scaricandone a tonnellate lungo la costa sòmala, preordinando l’inquinamento radioattivo dell’oceano indiano e via via di tutti gli altri.

PROGRESSO E SUICIDIO

Quanto agli OGM, l’ex presidente della Provincia Giorgio Grigolli ironizza sulla contrarietà “aprioristica dei Verdi” (L’Adige, 5 luglio). Ebbene, persone che non hanno niente di aprioristico, come i contadini indiani - trascinati da una situazione di povertà, ma non di carestia, “in nome dell’efficienza a comprare fertilizzanti chimici al posto dei concimi animali gratuiti, ad acquistare sementi ibride che vanno ricomprate ogni anno essendo sterili, a fornirsi di trattori e quindi a spendere per il carburante”, e conseguentemente indebitati e vessati dai creditori e dagli usurai - stanno rispondendo con migliaia di suicidi (Avvenire, 3 luglio).

Questa tragedia ignorata dall’Occidente che ne è causa prima, e che si va estendendo anche ai paesi africani, è in realtà ancora peggiore, poiché per un contadino che si toglie la vita, centinaia di famiglie indebitate con gli usurai locali dal 40 al 60% per sopravvivere vendono le figlie o i reni del marito e del figlio. E noi discutiamo degli OGM come strumenti di lotta alla fame nell’interesse del terzo mondo!

TESTO ARTICOLI

      

archivio articoli
dell'autore

sandro boato

altre pubblicazioni
dell'autore in
biblioteca verde

 

   

torna su