verdi del trentino
    archivio generale articoli, lettere, comunicati e interviste dalla stampa
ANNI:
  2019 - 20 2017 - 18 2015 - 16 2013 - 14 2011 - 12 2009 - 10 2007 - 08 2005 - 06 2003 - 04 2000 - 02
torna a precedente    
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

TRENTO
SABATO 13
GENNAIO 2018 - ore 11.30
Hotel America - via Torre Vanga

CONFERENZA STAMPA
di presentazione del simbolo e della lista INSIEME - MITEINANDER - ENSEMA
vai alla pagina

 
la testata del quotidiano l'Adige la testata del quotidiano del Trentino  

Trento, 14 gennaio 2018
Insieme: collegio per Coppola
Centrosinistra «Valorizzare tutte le sensibilità.
Ora bisogna passare ai fatti»

da l’Adige di sabato 14 gennaio 2018

Marco Boato e Lucia Coppola

«Insieme, miteinander, ensema». È un simbolo trilingue quello che riunisce socialisti, verdi e prodiani a sostegno della coalizione di centrosinistra in vista delle elezioni politiche del 4 marzo. Sul tavolo degli alleati i membri della lista «di ispirazione ulibvista» hanno presentato la candidatura della presidente del consiglio comunale di Trento Lucia Coppola per un collegio uninominale.

Va detto che Pd, Upt e Patt si sono dimostrati piuttosto freddi di fronte a questa ipotesi. «Ma il segretario del Pd Matteo Renzi ha invitato il numero uno del partito in Trentino Italo Gilmozzi a valorizzare tutte le articolazioni e le sensibilità del centrosinistra autonomista. Ora è giusto che si passi dalle parole ai fatti» sono state le parole di Marco Boato, membro dell'esecutivo nazionale e provinciale dei Verdi in occasione della presentazione ufficiale del simbolo, affiancato dal segretario del Psi del Trentino Alessandro Pietracci e dal segretario del Psi altoatesino Alessandro Bertinazzo. Insieme si aspetta dunque l'assegnazione di un seggio per Coppola.

Altrimenti cosa succede? «Siamo persone serie e continueremo in ogni caso a sostenere il centrosinistra - risponde Boato -. Quella che mettiamo a disposizione è una candidatura autorevole, ma non battiamo i pugni sul tavolo come ha fatto qualche altro alleato». Il collegio naturale di Coppola è quello di Trento ovviamente, «ma gli appetiti sono molti ed uno dei due posti disponibili sembra sia già stato attribuito (il riferimento è a quello del Senato, prenotato da Franco Panizza del Patt, ndr)» ha osservato Boato, aggiungendo: «Tutti i collegi dovrebbero essere concordati e noi chiediamo che ad Insieme ne venga attribuito uno dei sei (tre per la Camera ed altrettanti per il Senato, ndr)». Ma qualora Coppola venisse davvero candidata, si dimetterà dalla carica di presidente del consiglio comunale? A rispondere al quesito non è l'interessata, ma ancora una volta Boato: «Lo farà qualora fosse la coalizione a chiederlo».

Lucia Coppola è apparsa visibilmente emozionata: «Sono una persona che per carattere non si tira mai indietro. Davanti a questa nuova sfida mi metto al servizio della buona politica che ha caratterizzato il mio lungo impegno». Insieme punta a promuovere tematiche come giustizia sociale, sviluppo ecologicamente e socialmente sostenibile e Stati uniti d'Europa. Coppola ha evidenziato come l'ingresso di socialisti e verdi nella coalizione rappresenti un atto di responsabilità: «Non ci hanno convinto tante fasi di questa legislatura a guida Pd, ma dobbiamo impegnarci per impedire che qualunquismo, polulismo e neoliberismo la facciano da padrone.». Liberi e Uguali ha invece deciso di andare da solo, anche se alle provinciali del prossimo autunno dovrebbe far parte della coalizione.


Trento, 14 gennaio 2018
CENTROSINISTRA
La lista Insieme rivendica
un collegio al maggioritario

dal Trentino di domenica 14 gennaio 2018

il tavolo della presidenza

Presentata ufficialmente la nuova lista elettorale “Insieme”, che correrà con la coalizione del centro sinistra, che vede al suo interno la convergenza di tre realtà: verdi, socialisti e area civica.

Una lista di ispirazione “prodiana”, che si ispira all'esperienza politica de “L'Ulivo” (partito che, va ricordato, ha ottenuto per ben due volte la vittoria alle elezioni politiche, nel 1996 e nel 2006).

Il nome della lista non è casuale, in quando vuole esprimere la piena idea di collaborazione delle realtà politiche che accoglie al suo interno, le quali manifestano in maniera univoca il desiderio che il centro sinistra possa ricompattarsi il più possibile, in vista della tornata elettorale del 4 marzo.

La grafica del logo vede i simboli dei tre partiti allineati sotto la scritta “Insieme”, che nella regione Trentino Alto Adige è stata affiancata anche dalla rispettiva traduzione in tedesco e ladino.

Tre i principali punti programmatici: giustizia sociale; sviluppo economico e sociale sostenibile (a tal proposito è già stato redatto un patto per il clima, che verrà presentato prossimamente); impegno per mantenere un ruolo all'interno dell'Europa. «Si tratta di una lista fortemente europeista», dice Marco Boato. «Crediamo fortemente nell'importanza di fare parte di un'Europa unita, siamo una lista laica che pone l'accento su equità e diritti sociali, contro xenofobia e populismi». Il riferimento non è casuale ma nemmeno esplicito, perché, sempre secondo Boato, «La nostra è una lista di proposte e non di proteste». L'importanza delle alleanze viene ribadita anche da Lucia Coppola, co-portavoce dei Verdi del Trentino.

E proprio Coppola è stata recentemente al centro dell'attenzione. “Insieme” ha infatti chiesto una sua candidatura in uno dei sei collegi uninominali del Trentino, idea che ha incontrato molte resistenze da parte dei partiti maggioritari del centro sinistra. «Non vogliamo imporre nulla, ogni decisione andrà concordata, ma di certo ci auguriamo che prevalgano il buonsenso e la pluralità di partecipazione» dice l'interessata. La base programmatica della lista a livello locale è già stata elaborata in un documento unitario volto alla tutela dell'autonomia, alla gestione e allo sviluppo del territorio.

 

 
      

elezioni
politiche
4 marzo 2018

   

torna su