verdi del trentino
    archivio generale articoli, lettere, comunicati e interviste dalla stampa
ANNI:
  2019 - 20 2017 - 18 2015 - 16 2013 - 14 2011 - 12 2009 - 10 2007 - 08 2005 - 06 2003 - 04 2000 - 02
torna a precedente    
   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

      

Trento, 13 giugno 2014
RITIRO DELLA DELIBERA DI ACCOMPAGNAMENTO COMUNITA' SINTI E ROM
Comunicato stampa dei Verdi del Trentino

I Verdi del Trentino non condividono la scelta attendista e poco chiara di ritirare, rinviandola  a data da destinarsi, la trattazione in Consiglio Comunale a Trento della delibera  di accompagnamento delle comunità dei Sinti e dei Rom, relativa ad un progetto di mediazione culturale. La ritengono altresì una scelta miope che, nel tentativo di accontentare tutti, a parte i Sinti e i Rom, scontenta molti e manda alla città un messaggio preoccupante: bastano alcuni emendamenti prodotti dalle minoranze consiliari che fanno capo al centro-destra per produrre effetti di arretramento a fronte di un piccolo progetto di inclusione e integrazione che va nell'ottica di consentire alle persone interessate, donne, bambini, anziani, giovani uomini, l'accompagnamento ad attività lavorative, l'istruzione, l'educazione igienico-sanitaria. E un processo di maggior identificazione con la comunità ospitante, a partire proprio da quella cittadinanza attiva che richiede la conoscenza dei propri diritti ma anche dei doveri e delle regole del vivere civile e comunitario.

La miglior conferma di un agire, quello del Sindaco e della Giunta, pavido e poco lungimirante, viene proprio dai moti di esultanza del centro-destra che rivendica, nelle sue varie componenti, il merito di aver fatto fallire un naturale processo di facilitazione e mediazione culturale portato avanti ormai da tutte le amministrazioni che abbiano un minimo di buonsenso: in ogni parte dell'Italia e del mondo e a qualsiasi colore politico appartengano.

Leggiamo questo ritiro come un tentativo maldestro di nascondere sotto il tappeto problematiche presenti nel nostro territorio e mai risolte. Quella abitativa, in primis, che vedeva nelle micro-aree autogestite, dotate di servizi adeguati e strutturate in modo tale da garantire la dignità del vivere quotidiano, previste da una legge provinciale che sta e giace, lettera morta, priva com'è di un regolamento attuativo.

E poi la possibilità, attraverso percorsi di istruzione e formazione, apprendistato e accompagnamento al lavoro, di dare un futuro di autonomia economica, per uscire dalla povertà e dall'assistenzialismo, alle nuove generazioni, alle ragazze e ai ragazzi che patiscono l'assenza di futuro.

Molti di questi giovani, con forza di volontà e vincendo i pregiudizi, sono riusciti a entrare nel mondo del lavoro, ma la strada per un integrazione e interazione che possano dirsi davvero tali è ancora lunga.

Sollecitiamo perciò il Sindaco e la Giunta del Comune di Trento a riportare presto in aula la delibera e a mostrare il coraggio che serve per governare le criticità sociali se non si vuole che esplodano in fenomeni razzisti e di ulteriore emarginazione.


Lucia Coppola e Marco Ianes
co-portavoce dei Verdi del Trentino

      

vedi anche:

Trento, 12 giugno 2014
«NOMADI,
NUOVA DELIBERA
IN AUTUNNO»

La polemica / Malumori in maggioranza. Marchesi: «Si sbaglia a contrastare gli interventi per sinti e rom»
Franzoia rilancia. Coppola all’attacco: «Grave il ritiro
del testo»

leggi tutto in JPG

 

   

torna su