verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     



Trento, 15 ottobre 2019
Alto Adige e Südtirol: disarmiamo le parole
Per una convivenza dialogica fra i gruppi

COMUNICATO STAMPA
di Paolo Ghezzi e Lucia Coppola, consiglieri regionali del Trentino-Alto Adige/Südtirol

Con un gioco di prestigio che non poteva non innescare polemiche feroci, il Consiglio provinciale di Bolzano, all’articolo 1 del disegno di legge provinciale n.30/19 sui rapporti con l’Unione europea, ha cancellato l’aggettivo “altoatesino”, traducendo “Südtiroler Institutionen” con “istituzioni della provincia di Bolzano.

Il nome “Alto Adige” è tutelato dall’articolo 116 della Costituzione italiana e una legge provinciale di Bolzano non può certo modificare la Costituzione, come si è affrettato a chiarire lo stesso presidente della Provincia Kompatscher, riconoscendo l’errore. Il testo dell’articolo 116, “La Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol è costituita dalle Province autonome di Trento e di Bolzano” è sufficientemente limpido per essere il punto di riferimento linguistico e normativo di ogni nuova legge, nell’ambito del riconoscimento della Repubblica italiana della pari dignità dei gruppi linguistici (non dimentichiamo i ladini) della Provincia di Bolzano.

Non si può non dare ragione al ministro degli affari regionali Boccia che ha affermato: “Sarebbe opportuno continuare a discutere esclusivamente delle esigenze della comunità della Provincia autonoma di Bolzano e dell'intera Regione Trentino Alto Adige” (e qui il ministro si è sciaguratamente dimenticato la parola Südtirol), “anziché di questioni ideologico nominalistiche che riguardano lo scontro tra la destra tedesca e la destra italiana”.

Fratelli d’Italia da una parte, gli oltranzisti sudtirolesi dall’altra, sono riusciti molto bene, ancora una volta, a infiammare un dibattito nazionale usando la benzina delle parole: col risultato che, fuori dalla nostra Regione, si riaccendono le polemiche strumentali su quanto ci meritiamo la nostra autonomia speciale. Molto rumore per nulla. O forse, per rimettere in circolo i soliti veleni che da sempre inquinano la questione della toponomastica nella provincia di Bolzano.

Prendiamo atto con favore dei buoni propositi del presidente Kompatscher sul corretto utilizzo futuro della terminologia: “Quando ci si riferisce alle istituzioni è giusto parlare di Provincia di Bolzano in italiano e di Provinz Bozen in tedesco, mentre quando ci si riferisce al territorio la terminologia corretta è Alto Adige in italiano e Südtirol in tedesco”.

E non possiamo non condividere le parole del collega Riccardo Dello Sbarba del Gruppo Verde del Consiglio provinciale di Bolzano: “La convivenza passa anche attraverso il disarmo del linguaggio; evidentemente c’è chi lo vuole riarmare”.

A noi di FUTURA, che ci sentiamo cittadini del mondo ed europei, oltre che trentini fieri di appartenere a una Regione meravigliosa e speciale come il Trentino-Alto Adige/Südtirol, queste polemiche lasciano l’amaro in bocca perché la propaganda giocata sulle parole eccita i rancori del passato mentre nell’orizzonte europeo di oggi e di domani dovremmo considerare come un valore inestimabile la convivenza dialogica e pacifica tra la pluralità dei gruppi linguistici.

 

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su