verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     



Trento, 11 febbraio 2020
Piste da sci del Trentino rese piÙ pericolose
da comportamenti fuori legge

Interrogazione a risposta scritta presentata da Lucia Coppola, consigliera provinciale di FUTURA

Nel marzo dello scorso anno abbiamo interrogato il presidente della Provincia in merito alla sicurezza sulle piste da sci trentine.
Dalla risposta dell’assessore Failoni si apprende che il numero degli incidenti sugli sci è in costante aumento. Nella stagione 2016 – 2017 su 72.370.593 passaggi gli incidenti sono stati 8626, nella stagione 2017 – 2018 su 72.623.682 passaggi gli incidenti sono stati 9108. Nell’ultima stagione con 80 milioni di passaggi gli incidenti sono saliti a circa 10.000. Nell’80 per cento dei casi gli infortuni riguardano scontri con altri sciatori.
Sempre nella risposta l’assessore afferma che la Provincia ha lavorato molto sia sulla sicurezza passiva, cioè seguendo, sin dalla fase di progettazione, la costruzione di piste da sci di qualità, sia sulla sicurezza attiva, cioè sulla diffusione della segnaletica e sulla divulgazione delle regole di comportamento dello sciatore.
Tanto si è fatto ma tanto si deve e si dovrà ancora fare.
Le nostre piste ogni anno sono prese d’assalto da turisti sia italiani che stranieri, talvolta sciatori improvvisati senza una preparazione fisica adeguata e la necessaria padronanza tecnica degli attrezzi. L’inesperienza, unita all’alta velocità che le piste oggi consentono, mette in pericolo l’incolumità propria e degli altri sciatori.
Diventa fondamentale la consapevolezza delle proprie capacità in modo da non creare pericolo per sé e gli altri. Ogni sciatore deve tenere una velocità e un comportamento adeguati alla propria abilità, nonché alle condizioni generali della pista, della libera visuale, delle condizioni metereologiche e dell’intensità del traffico sulle piste.
Raccogliamo l’appello di papà Fernando (Il Dolomiti del 10 febbraio 2020) che nella sua lettera denuncia la totale mancanza nell’ultimo weekend di forze dell’ordine presso le piste dell’Alpe del Cermis. Piste che lui definisce un vero e proprio “kartodromo”, con sciami di sciatori aggressivi che tagliano la strada e sorpassano ad alta velocità, in alcuni casi telefonando o facendo riprese.
Una descrizione che rispecchia situazioni analoghe, che sono state riportate, in altre località turistiche del Trentino.
Ci è stato riferito inoltre da alcuni sciatori che le piste da sci sono frequentate anche da persone in stato di ebbrezza o addirittura ubriache. Qualche bicchiere di birra, vino o superalcolici e poi via con gli sci o lo snowboard. Spesso sulle piste si tende a bere più alcolici anche per contrastare le basse temperature esterne, mentre l’alcol in realtà induce vasodilatazione periferica facendo aumentare la dispersione del calore corporeo. L’assunzione di alcol in coincidenza con l’attività motoria e la contemporanea esposizione alle basse temperature fa inoltre aumentare, proprio come succede a chi è alla guida di veicoli, il rischio di incidenti, aumentando i tempi di risposta agli stimoli, riducendo i riflessi e alterando le capacità percettive, mentre aumenta la propensione al rischio dovuta alla riduzione dei freni inibitori. Se si pensa che quando si è sugli sci si può raggiungere facilmente una velocità di 70 km/h e oltre, ma non si ha nessuna zona di assorbimento dell’urto, perdere il controllo sui propri sci a causa dell’alcol può essere addirittura letale.
Lo stesso si può dire dell’uso di sostanze stupefacenti: causano l’alterazione dello stato psicofisico degli sciatori che affrontano le piste a velocità esagerate perdendo il senso del pericolo e dei limiti, diventando una minaccia alla sicurezza propria e altrui.
I numeri di passaggi sulle nostre piste aumentano, e così gli incidenti, spesso molto gravi.
Si ritiene necessario lavorare sempre di più sulla sicurezza degli impianti e dei tracciati, potenziando il più possibile i controlli che devono essere capillari e tempestivi.
L’assessore Failoni nella sua risposta rimarca il ruolo fondamentale dei maestri di sci che molto spesso rappresentano il primo interfaccia dello sciatore con la pratica dello sci e quindi con le regole di comportamento che lo disciplinano. Ci è stato riportato che sulle piste vi sono maestri di sci che esercitano l’attività senza i requisiti richiesti per l’insegnamento della professione nella nostra Provincia.

Ciò premesso si interroga il presidente della Provincia e l’assessore competente per sapere:

se sulle piste da sci del Trentino vengono fatti dei controlli a campione con un alcol test, come avviene sulle strade, e in caso di risposta affermativa i risultati per comprensorio sciistico;
se vengono effettuati anche controlli per verificare se sulle piste vi siano sciatori che fanno uso di sostanze stupefacenti e in caso di risposta affermativa i dati per comprensorio sciistico;
quante sanzioni sono state elevate sulle piste da sci del Trentino negli ultimi 5 anni per abuso di sostanze alcoliche, per comprensorio;
quante persone nello stesso periodo sono state trovate sotto gli effetti dell’uso di stupefacenti o solamente in possesso, per comprensorio;
a quanto ammontano le sanzioni per chi percorre le piste da sci in stato di ebbrezza o ubriaco;
se nelle campagne di sensibilizzazione mirate alla prevenzione della sicurezza sugli sci è riportato il pericolo che può causare l’uso e l’abuso di alcol e di sostanze stupefacenti;
con quale frequenza vengono effettuati controlli presso rifugi, baite, bar e locali per verificare che le norme di somministrazione di bevande siano correttamente applicate;
se corrisponde al vero, come denunciato da un turista, che nell’ultimo fine settimana non vi fossero agenti addetti ai controlli sulle piste da sci dell’Alpe del Cermis;
quanti agenti addetti al controllo sono presenti in ogni comprensorio sciistico soprattutto nei periodi di maggior frequenza turistica;
se non ritenga imprescindibile la presenza di controlli capillari lungo le piste da sci per fermare coloro che affrontano le discese senza rispetto ed attenzione verso gli altri;
se la Provincia sia al corrente del fatto che vi siano dei maestri di sci che esercitano l’attività senza i requisiti richiesti dalle norme provinciali;
se sono stati fatti dei controlli in merito al punto 11, con quale riscontro per comprensorio, e se intenda intensificare i controlli anche in questo settore;
a quanto ammontano negli ultimi cinque anni i costi pubblici della vigilanza e del soccorso sulle piste da sci del Trentino.

 

Lucia Coppola

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su