verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Trento, 1 ottobre 2015
La pericolosa situazione delle aree gravemente inquinate
nel Comune di Trento.
Un altro morto alla ex Sloi.

Comunicato stampa dei Verdi del Trentino

L' area SLOI-CARBOCHIMICA, a Trento Nord, è ricompresa nell’elenco dei siti inquinati di interesse nazionale (SIN).


Il sito, negli anni, è  stato oggetto di studi approfonditi e progetti di risanamento (a differenza di quanto è successo altrove), anche perché l’opinione pubblica trentina non ha mai distolto l’attenzione dal problema.

Tuttavia, - a parte gli studi e i monitoraggi – sembra esservi ora un  incomprensibile  disinteresse di  Comune e Provincia. Si stenta a dare avvio alle opere di bonifica, benché per la parte pubblica del sito, vale a dire “le rogge e le fosse di scolo delle acque” i progetti di recupero siano già  pronti. Si tratta solo di “cantierare” i lavori. 

La Provincia ha predisposto un progetto esecutivo di recupero per le rogge, che prevede interventi di bonifica volti anche  al risanamento della falda acquifera. Ma ancora non si sa che fine ha fatto questo piano, forse finito in fondo a qualche cassetto. Probabilmente mancano le risorse economiche ma la Provincia di Trento non pensa che questa sia una vera e propria priorità? Inoltre, per quanto riguarda il monitoraggio, sappiamo che esiste una rete di controllo, ma non conosciamo lo stato delle analisi; com'è la situazione delle acque nella zona di Trento Nord?

Dobbiamo sapere tutti che, in caso di alluvioni nella zona, gli agenti inquinanti potrebbero essere trasportati altrove dai corsi d’acqua inquinati. Perché non ci si muove con l'attuazione di tale piano?

Per quanto riguarda, invece, i terreni, di proprietà dei privati, l'immobilismo dimostrato finora non è certamente di buon auspicio. La crisi del settore immobiliare rende evanescente la speranza di recuperare con la vendita degli immobili i fondi necessari per la bonifica. Ritorna dunque d’attualità l’esigenza di riprendere in mano la questione delle bonifiche nelle sedi competenti – Comune di Trento e Provincia – per uscire finalmente dallo stallo. E’ evidente che la priorità assoluta è quella di evitare che le situazioni di rischio per danno ambientale si protraggano all’infinito, ma è altrettanto chiaro che un’area così importante e strategica per la città di Trento non possa essere lasciata nel totale abbandono e disinteresse.

A ciò si aggiunge la precaria e degradante situazione dei disperati che lì trovano ricovero in condizioni igienico sanitarie terribili e con il pericolo di ammalarsi e persino  perdere la vita, proprio come è avvenuto nella serata di mercoledì 30 settembre a un cittadino rumeno che  è morto nel tentativo di riscaldarsi dai primi freddi autunnali con un fuoco improvvisato che è poi stato impossibile domare. Ci chiediamo fino a che punto e quali disgrazie debbano ancora accadere perché questa parte di città, che non è neppure periferia, venga seriamente considerata in tutta la sua pericolosità e degrado  e restituita alla collettività in condizioni di sicurezza, rispetto, attenzione ai cittadini.

Lucia Coppola
portavoce dei Verdi del Trentino

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su