verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Trento, 10 maggio 2008
UN PUNTO DI RIFERIMENTO INSOSTITUIBILE
Ricordo di Alex Langer

di Lucia Coppola

Sono stata qualche mese fa a Barbiana, a rendere omaggio alla figura di don Milani. In quel luogo, nelle mie riflessioni, mi comparve ad un tratto la figura sottile e mite di Alexander Langer. Mi parve che molte cose li accomunassero (tra queste il fatto che Langer era stato uno dei primi frequentatori ed estimatori di don Milani, colui che, forse più di ogni altro, contribuì a farlo conoscere in Europa, e traduttore di “Lettera ad una professoressa” in lingua tedesca), e che l’evidente legame tra queste due indimenticabili e nobili persone fosse la sconfessione e la confutazione dell’affermazione di Nicolò Macchiavelli che “li profeti disarmati tutti ruinarono”.

Ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscere e frequentare Alex Langer sin dagli anni ’70. Anni di furori ideologici, settarismi, dogmatismi, insieme a tante sacrosante ragioni. Quello che colpiva in Alex era il pensiero vivo, mai schematico, la capacità di dialogo con tutti, lo sforzo costante di capire l’altro, sempre, sia che l’approccio fosse politico, sia etnico o religioso.

Voglio ricordare sommariamente il suo impegno per la convivenza e l’incontro nella sua terra, il Sudtirolo, dove ha pagato pesantemente il suo rifiuto di dichiarazione etnica con la perdita del posto di insegnante al liceo di Bolzano.

Il dialogo, lui laico e di sinistra, con la Chiesa cattolica sui temi della vita e della bioetica.

I suoi frequentissimi viaggi nella ex Jugoslavia dilaniata dalle guerre interetniche ed interreligiose, il suo costante impegno al Parlamento Europeo a favore di queste popolazioni e per la composizione politica e pacifica dei conflitti.

Fu tra i primi in Italia e in Europa a mettere al centro dell’agire politico l’ecologia, la difesa ambientale, lo sviluppo sostenibile.

Fu la guida politica dei Verdi italiani, ma anche punto di riferimento insostituibile per le associazioni ambientaliste e per i movimenti di persone e cittadini, in modo volutamente trasversale, anti-ideologico, interpartitico.

L’esempio morale e il notevole corpus degli scritti e delle riflessioni di Langer sono stati spesso profetici a causa dell’acutezza della sua analisi e della capacità di osservare e interpretare eventi, cause, effetti, trasformazioni. La sua lettura aperta, lucida e mai pregiudiziale degli eventi ha attraversato il tempo, invero troppo breve, della sua vita. E sono tuttora di interesse e attualità; lo saranno a lungo per il futuro.

Troppo gravoso in lui il senso del dovere, il farsi carico di imprese al limite dell’impossibile. La sua sensibilità e vicinanza umana alle tragedie che ha attraversato, una certa solitudine, propria delle menti lucide e grandi e generose, causarono una fine tragica nello sconforto di un pomeriggio d’estate, il 3 luglio 1995.

Le sue ultime parole, lasciate per iscritto insieme all’estremo saluto, ci raccontano la sua fatica di vivere: “I pesi mi sono divenuto davvero insostenibili. Continuate in ciò che era giusto”.

Alexander Langer, nel suo andare spesso contro corrente ebbe molti avversari ma nessun nemico: un monito per tutti noi. Un modo di far politica colto, umano, rispettoso da cui ciascuno di noi può imparare qualcosa.

Lucia Coppola

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  

vedi anche:
la pagina su
Alex Langer

   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su