verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     
la testata del Trentino la testata dell'Adige

Trento, 20 aprile 2016
VOTO NO-TRIV, RIFLETTIAMO SUI RISULTATI
A bocce ferme. Riflessioni sull'esito del Referendum No Triv
pubblicato, leggermente ridotto,
sul Trentino di mercoledì 20 aprile 2016

La domanda che in molti si fanno è: che succede adesso? L'unica cosa certa è che tutto rimarrà esattamente come questo governo ha deciso nel dicembre 2015, quando ha inserito nella Legge di Stabilità la proroga dell'attività di ricerca ed estrazione di gas e idrocarburi entro le 12 miglia dalla costa, fino all'esaurimento dei giacimenti. Un enorme regalo ai petrolieri, posto che l'aumento delle estrazioni nei nostri mari non è minimamente collegata al soddisfacimento dei bisogni energetici nazionali. Gli idrocarburi presenti in Italia appartengono al patrimonio dello Stato che li dà in concessione a società private, per lo più straniere, le quali possono disporne come meglio credono, anche rivendendoceli o portandoli altrove. Allo Stato esse sono tenute a versare solo un 7% del valore del petrolio estratto o il 10 % per quanto riguarda il gas. C'è da dire inoltre che non tutta la quantità di petrolio o gas è però soggetta a queste royaliti. Infatti le società petrolifere non versano niente alle casse dello Stato per le prime 50mila tonnellate di petrolio e per i primi 80mila metri cubi di gas estratto ogni anno e godono di incentivi e detrazioni fiscali tra i più favorevoli al mondo. Nell'ultimo anno dalle royaliti provenienti da tutti gli idrocarburi estratti sono arrivati all'Italia solo 370mila euro!

L'altra cosa certa è la tendenza del governo Renzi a preferire, finanziare, agevolare il ricorso ai combustibili fossili a scapito dell'investimento sulle energie rinnovabili, le energie pulite, il cui sviluppo verrà ulteriormente rallentato o arrestato. E pensare che il nostro paese attualmente, e nonostante i pochi incentivi e una normativa confusa che cambia ad ogni soffio di vento, produce energia da fonti rinnovabili per il 40% con oltre seimila occupati, a fronte dei 75 lavoratori effettivi delle piattaforme petrolifere.

Queste piattaforme attualmente, entro la fascia delle 12 miglia, sono 92 su un totale di 135 trivelle, ma quelle realmente attive sono 79. Secondo i dati di Greenpeace, 35 delle 88 piattaforme esaminate hanno esaurito totalmente il loro ciclo.

Ciò detto, partiamo dai dati di questo Referendum che ha visto il 32 % dei cittadini italiani andare al voto, circa 16 milioni di cui 14  si sono espressi con un SI'.  E' un numero consistente di persone che ha dimostrato di tenere alla preziosità del proprio mare, alla sua biodiversità e anche alla condizione di vita delle popolazioni che sono costrette a subire gli esiti nefasti dell'inquinamento e della distruzione di habitat e di paesaggi meravigliosi: basti pensare al mare delle isole Tremiti per rendersi conto del disastro ambientale, sempre possibile. Puntualmente ciò è accaduto proprio il giorno del Referendum a Fegino in Liguria, dove la rottura di un tubo ha provocato la fuoriuscita di una notevole quantità di petrolio nel fiume Polcevera che entra direttamente in mare. Quando si dice il caso..

I nodi da sciogliere in questa vicenda, davvero poco esaltante dal punto di vista istituzionale, sia nella parte pre-elettorale che in quella post-elettorale, riguardano in primis il raggiungimento del quorum. Con una soglia così alta si vince facile! Basta dire alle persone di non esercitare il diritto/dovere al voto e di starsene a casa in panciolle per ottenere gli obiettivi desiderati: l'assenza di un confronto democratico reale che si esprima con un assenso o un dissenso. A mio avviso chi non prende posizione non dovrebbe contare e nessuno riuscirà a convincermi che astenersi dal voto sia una pratica corretta, se pure legittima. Tanto più quando a sostenerla e a raccomandarla sono due tra le più alte cariche dello stato: il Presidente del Consiglio e un ex Presidente della Repubblica! Tutto ciò ha davvero dell'incredibile, soprattutto se pensiamo che avviene in un paese che sta dimostrando negli ultimi anni una scarsissima propensione al voto, ad informarsi, ad esercitare la cittadinanza attiva, ad essere partecipi del destino dell'Italia e del mondo. Posto che il riscaldamento del pianeta dovuto ai combustibili fossili e all'emissione di CO2 in atmosfera dipende soprattutto da noi, da questo occidente troppo poco sostenibile in termini di utilizzo e spreco delle risorse, di rispetto dell'ambiente, di riconversione ecologica.

Ho avuto, purtroppo, l'avventura di assistere alle dichiarazioni “a caldo” di Renzi, alle 23 e 18 di domenica 17 aprile. Mi ha colpito di lui, come spesso accade, la strafottenza e l'arroganza e pure, in questo caso, la malafede allorché si è permesso di attribuire questa “vittoria” ai lavoratori. Un colpo basso ad uso e consumo di coloro che non sono informati, perché se avessero vinto i SI' nessun lavoratore delle piattaforme sarebbe rimasto a casa: semplicemente si sarebbe tornati alla legge precedente che prevedeva concessioni trentennali, prorogabili di vent'anni. E poi perché non pensare piuttosto ai 150 mila lavoratori che annualmente nella vicina Germania, e con condizioni climaticamente meno favorevoli delle nostre, vengono impiegati nelle Green Economy? E' una politica, questa italiana, subalterna alle lobby, di breve respiro, poco lungimirante, poco avveduta e attenta alle generazioni future, al loro diritto ad aver in consegna un mondo in equilibrio, sostenibile, equo. I “Ciaone” dei sostenitori di Renzi, lo sbeffeggio al potere, non sono certo segnali di cultura, rispetto, democrazia. Tutti noi, sostenitori del SI' eravamo consapevoli che questo Referendum non avrebbe avuto vita facile. Dobbiamo essere altrettanto fieri del fatto che non è andato male, tenuto conto di tutte le difficoltà, dell'indifferenza di tanti, del momento storico così poco favorevole all'assunzione di responsabilità, della disinformazione. Onore alla Basilicata, che ha raggiunto il quorum, e a tutte le regioni che hanno scelto in modo netto di schierarsi a favore del mare e della salute. Grazie a tutti gli uomini e alle donne che credono in un futuro sostenibile. Ora non si può che ripartire ancora più convinti e determinati: siamo in tanti  e continueremo in ciò che è giusto.

 Lucia Coppola
co-portavoce dei Verdi del Trentino


Trento, 19 aprile 2016
COMMENTO AL VOTO
In Vallagarina i più fedeli alle urne
Record a Besenello con il 44,06%.
Fuga dai seggi a Frassilongo (14,43%)

da l’Adige di martedì 19 aprile 2016

Leggeremente più alto della media nazionale (32,15%) , quanto a partecipazione al voto: il Trentino, al referendum sulle trivellazioni in mare, ha registrato un quorum del 32,39% . E i «sì» sono stati 108.045 , l' 83,69% , i «no» 21.058 (16,31%) . A livello nazionale, è però più alta la percentuale dei «sì»: 86,44% . Quasi dimezzata, invece, la partecipazione oltre Salorno: in Alto Adige, solo il 17,61% degli aventi diritto ha partecipato al voto. Tra i 178 comuni trentini, alcuni più di altri hanno tentato di dare uno schiaffo al premier Matteo Renzi che ha fatto campagna per boicottare il referendum, invitando a disertare le urne. In otto comuni si è superata la soglia del 40% : Besenello, Altopiano della Vigolana, Cavizzana, Drena, Ivano-Fracena, Pomarolo, Trambileno e Volano . In Vallagarina, quindi, la partecipazione più alta. Su tutti svetta Besenello con il 44,06% . Su 178 comuni, in 97 non è stata superata la soglia del 30% . In 14 nemmeno si è raggiunto il 20% . Tra questi, i «disertori» delle urne primeggiano a Frassilongo, in val dei Mocheni, dove solo il 14,43% ha votato, ad Andalo (15,31%) e Vermiglio (17,63%) . Nei centri più grossi, la partecipazione è superiore alla media provinciale: a Rovereto il 38,75% , a conferma che in Vallagarina la partecipazione è stata più alta che altrove, a Trento il 35,29% , a Riva del Garda il 33,76% , ad Arco il 35,40% . Solo in due comuni, la percentuale dei sì supera il 90%: a Luserna (92,31%) e a Lona Lases (90.50%) .

Tra chi ha disertato le urne, c'è il presidente della Provincia Ugo Rossi . «Non sono andato a votare» dice «perché non ritenevo dirimente il quesito posto. Prendo atto del risultato, che mi soddisfa perché il referendum si era politicizzato, era diventato uno scontro tra i favorevoli e i contrari a Renzi».

LUCIA COPPOLA, presidente del Consiglio comunale di Trento e portavoce dei Verdi del Trentino, commenta:

«Dispiace prima di tutto il mancato raggiungimento del quorum: ancora una volta si ha la conferma che il referendum, con questa soglia del 50% più uno, rischia di essere uno strumento inutile. Ma sono soprattutto profondamente sdegnata e stupita per l'atteggiamento del presidente del Consiglio Renzi che ha fatto campagna per l'astensione: non è cosa degna per un rappresentante delle istituzioni, è grave in assoluto».

Coppola è stata colpita anche dalle dichiarazioni post voto di Renzi: «Ha fatto ricorso al tema dell'occupazione, dicendo che non aver fatto vincere il sì è stato un voto per il lavoro. È una falsità, perché oggi le persone direttamente coinvolte nelle trivellazioni sono 75 e se fosse passato il sì semplicemente si tornava alla legge precedente che prevede la durata trentennale delle concessioni e la proroga di 20. Soprattutto è incredibile che, in Italia, dopo Coop21, si continui a mettere in contrapposione il lavoro con l'ambiente e la salute. Il sì non era contro il Governo, ma a favore del mare e delle energie rinnovabili».

La portavoce dei Verdi aggiunge: «Il 32,39% in Trentino è un dato buono. Da qui si deve ripartire. Sapevamo che sarebbe stata dura, per come è stato organizzato il referendum, per i tempi, per la disinformazione. C'è chi, in buona fede, non è andato a votare per "salvare" posti di lavoro o perché gli è stato detto che era inutile. Il fatto poi che parte della classe dirigente, anche sindacale, non abbia preso posizione la dice lunga sulla consapevolezza della gravità dei problemi attuali».

Tra gli attivisti del «sì» c'è anche Antonia Romano, consigliera comunale di «L'Altra Trento a sinistra». «Il risultato del referendum va letto da diversi punti di vista» dice «Innanzitutto la partecipazione, che è coerente con i dati di astensione alle votazioni in generale e che è segno di sfiducia ma anche di indifferenza persino verso questioni importanti come le strategie energetiche per contrastare il riscaldamento globale. Il referendum è uno strumento di esercizio di sovranità e in un paese democratico dovrebbe avere quorum zero per stimolare la partecipazione. I ripetuti inviti all'estensione da parte di esponenti autorevoli delle istituzioni e i commenti di Renzi rispetto ai risultati» aggiunge Romano «sono deplorevoli e offendono chi crede nella democrazia. Bisogna ricostruire una trama culturale su cui avviare la partecipazione dei cittadini e delle cittadine alle scelte importanti. Noi non ci fermeremo qui».

 

 

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  

REFERENDUM
17 aprile
contro le trivellazioni
in mare

vai alla pagina

   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su