verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Basta violanza sulle donne
Trento, 25 novembre 2014
La giornata contro la violenza sulle donne
di Lucia Coppola, consigliere comunale Verde a Trento
ripreso in sintesi
dal Corriere del Trentino di martedì 25 novembre 2014
leggi sotto

La situazione nel nostro paese e nel mondo rende sempre più necessario e indispensabile intraprendere azioni politiche, culturali, informative e formative che prevengano, indaghino e puniscano i responsabili della violenza che quotidianamente le donne italiane subiscono.

Quanto accade è davvero indegno di un paese civile e incredibilmente doloroso sul piano umano e personale.

In Italia viene uccisa una donna ogni due giorni, infatti, e nel 70% dei casi il reato avviene dentro le mura domestiche. Sono in costante aumento i maltrattamenti e gli atti di violenza e costrizione, le persecuzioni di quante decidono di ribellarsi, e lo stalking.

Il 51,9% delle vittime, infatti, aveva denunciato le violenze che stava subendo. Morti annunciate, dunque.

La Convenzione di Istanbul, votata lo scorso anno all'unanimità, 545 sì su 545 presenti, ci consegnava finalmente l'immagine di un paese civile, quanto meno nelle sue istituzioni rappresentative. Lo stesso, purtroppo, non si può dire del paese reale riguardo al terribile fenomeno del femminicidio che lo attraversa da Nord a Sud, coinvolgendo tutte le classi sociali, le generazioni, le condizioni professionali e culturali. Una violenza sorda e implacabile, con centinaia di donne morte ogni anno, migliaia soggette a maltrattamenti fisici e psicologici, fenomeni crescenti di stalking e di bullismo per quanto riguarda le più giovani.

Troppi sono, inoltre, i bambini e le bambine privati dell'affetto più caro e indispensabile: quello materno. E troppi gli uomini che esercitano la forza bruta come unico modo di relazionarsi alle loro mogli, compagne, fidanzate, figlie, sorelle.
Si devono gettare le basi a livello politico, istituzionale e culturale per una tutela preventiva, intervenendo non solo sul piano della repressione, comunque necessaria, ma anche della prevenzione, dell'assistenza alle donne e ai loro figli che si trovano in situazioni pericolose per la loro incolumità.

Si deve puntare alla sensibilizzazione culturale e all'educazione, nelle famiglie, nella scuola, nella società. Grande è la responsabilità di chi, avendo a che fare con bambini e ragazzi, non crei situazioni tese al rispetto dell'altro/a, alla valorizzazione delle differenze in generale e in particolare di quelle di genere, a processi egualitari, all'educazione alla pace e alla convivenza non solo verso chi è lontano e diverso da noi (per provenienza geografica, colore della pelle, credo religioso, abitudini, cultura), ma anche verso chi ci è prossimo e affine.

Ma le buone intenzioni di per sé non tutelano le donne che vengono sistematicamente sottoposte alla forza bruta e alla violenza. Servono anche risorse finanziarie che mettano in moto politiche virtuose e non più rinviabili: i centri anti-violenza innanzitutto, la difesa legale, l'assistenza economica di chi deve scappare dalla propria casa, l'avvio a nuove occupazioni e a una nuova vita, lontana dall'odio, le case-famiglia che custodiscano mamme e bambini nell'emergenza. Il sostegno psicologico e medico alle vittime.

E' necessario altresì prevedere processi di acculturazione che partano dalle nuove generazioni, con  attività mirate nelle scuole di ogni ordine e grado (il bullismo, il senso di superiorità e onnipotenza cominciano presto), per raggiungere quel mondo adulto sul quale forse è ancora possibile intervenire. Per dirottare le pulsioni, insegnare il dialogo, la compassione e l'amore.

E' anche necessario recuperare tante donne, che si considerano meno di niente, al rispetto di sé, alla cura, alla rivendicazione del diritto alla vita e alla consapevolezza che nessuna violenza può essere giustificata. Convincerle a denunciare, a difendersi, a non subire.

E' importante crescere figlie/ragazze che sappiano riconoscere il mostro della porta accanto che ha magari le fattezze gradevoli e le pretese d'amore del fidanzatino di turno. Le donne devono acquisire la consapevolezza del loro valore, del diritto alla felicità e alla serenità che tutte ci riguarda; devono sapere che a un primo schiaffo inevitabilmente ne seguiranno altri e che loro di certo non hanno fatto niente per meritarselo.

Dobbiamo crescere figlie forti, coraggiose, consapevoli e figli responsabili, capaci di esprimere affetto e comprensione, di amare nell'unico modo possibile: quello del rispetto, della tenerezza, della gioia condivisa. Tutto ciò presume politiche mirate, buone pratiche quotidiane e non estemporanee, investimenti finanziari certi a livello nazionale e locale: per far uscire il nostro paese da questo tunnel crescente di ferocia e di dolore.

Lucia Coppola
consigliere comunale Verde a Trento



Trento, 25 novembre 2014
RISORSE NECESSARIE
Questione femminile
di Lucia Coppola, consigliere comunale Verde a Trento
dal Corriere del Trentino di martedì 25 novembre 2014

È sempre più indlispensabile intraprendere azioni politiche, culturali, informative e formative che prevengano, indaghino e puniscano i responsabili della violenza subita quotidianamente dalle donne.

Quanto accade è indegno di un Paese civile, nonché incredibilmente doloroso sul piano umano e personale.

Si devono gettare le basi a livello politico, istituzionale e culturale per una tutela preventiva, intervenendo non solo sul piano della repressione, comunque necessaria, ma anche della prevenzione, dell’assistenza alle donne e ai loro figli che si trovano in situazioni pericolose per la loro incolumità. Si deve puntare alla sensibilizzazione culturale e all’educazione, nelle famiglie, nella scuola, nella società. Servono anche risorse finanziarie che mettano in moto politiche ‘virtuose e non più rinviabili: i centri anti-violenza, la difesa legale, l’assistenza economica di chi deve scappare da casa propria, l’avvio a nuove occupazioni e a una nuova vita, case-famiglia, sostegno psicologico e medico alle vittime.

Lucia Coppola,
consigliere comunale Verde a Trento

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su