verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Trento, 12 gennaio 2014
NO ALL'INCENERIMENTO DEI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI
Interrogazione a risposta orale
presentata da Lucia Coppola, Consigliere comunale Verde a Trento


Vedi anche il proposta alternativa al piano provinciale dell'Esecutivo dei Verdi del Trentino 13 gennaio 2014
«Proposta di gestione dei rifiuti indifferenziati nella Provincia Autonoma di Trento»

Il 30 dicembre 2013 la Giunta Provinciale di Trento ha approvato, in via preliminare, il IV Aggiornamento del Piano Rifiuti Provinciale.

Questo Piano era stato chiesto a gran voce da alcuni partiti, tra cui i Verdi, e da molte associazioni ambientaliste, anche a causa dei notevoli risultati ottenuti con la raccolta differenziata “porta a porta”. Quello a cui si mirava era proprio  un percorso comune tra l'Istituzione provinciale, il Comune di Trento (sul cui territorio doveva essere costruito l' inceneritore) i cittadini che negli anni si erano attivati in prima persona e le associazioni, tra cui Nimby e Trentino Pulito, per trovare soluzioni che arrivassero ad un chiusura del ciclo dei rifiuti che non mettesse a rischio la salute dei cittadini;  che, nel contempo, avesse costi ragionevoli e si avvalesse di tecnologie le più innovative: senza  la combustione ma con modalità  di tipo meccanico.

Ora, a quanto di apprende dalla stampa, la Giunta provinciale approva, se pure in via provvisoria,  un Piano Rifiuti che prevede la realizzazione di uno o più stabilimenti industriali atti a creare CSS (combustibile solido secondario), ovvero un tipo di combustibile idoneo ad essere bruciato nei cementifici. Piccoli inceneritori delocalizzati sul territorio e soprattutto privati. Bruciando materie a base plastica, saranno come è ovvio prodotte diossine e si avranno comunque emissioni altamente inquinanti e pericolose.

Pensiamo che questo potrà, per esempio, avvenire nel cementificio di Sarche, zona particolarmente pregiata per le colture vitivinicole. Ma altri, come annunciato, saranno i luoghi di possibile smaltimento.

Naturalmente, i dubbi circa i controlli e l'abbassamento delle emissioni da parte dei privati sorgono spontanei ed è inevitabile chiedersi che ruolo abbia, e abbia avuto!,  in  tutte queste scelte il Comune di Trento, sempre silente sia nei confronti del Consiglio Comunale che dei cittadini, e pronto a far proprie ogni volta in modo acritico le decisioni provinciali. In successione, infatti, è stata prospettata dapprima la costruzione di un impattante e pericoloso per la salute inceneritore, poi ridimensionato, quindi la sua abolizione (dopo aver impiegato parecchio denaro pubblico in consulenze e progetti); per poi arrivare alla nuova, ma vecchia nello spirito, proposta della produzione del CSS nei cementifici.

Nello stigmatizzare l'assenza di coinvolgimento del Comune di Trento, che in queste settimane non si è mai espresso pur essendo coinvolto in prima persona, delle associazioni ambientaliste e dei censiti, nella predisposizione del IV Aggiornamento del  Piano Rifiuti e nelle proposte avanzate, ampiamente discutibili, tengo a ribadire il grande valore e i positivi risultati ottenuti a livello provinciale, ma soprattutto del Comune di Trento e dei suoi cittadini, particolarmente sensibili e diligenti, nella raccolta differenziata “porta a porta”.

Ciò premesso,

chiedo al signor Sindaco e alla Giunta del Comune di Trento

se non intendano interloquire con la Giunta provinciale e l'assessore Mauro Gilmozzi, facendosi parte attiva nell'ottenere puntuali ed esaurienti informazioni circa il futuro della chiusura del ciclo dei rifiuti e sulle modalità che si intendono perseguire.

Attivandosi altresì nel proporre soluzioni le  più idonee, innovative e adeguate, aprendo altresì un dibattito a largo raggio che implichi percorsi di conoscenza e approfondimento, di condivisione e partecipazione rispetto all'assunzione del IV Piano di Aggiornamento dei Rifiuti nel territorio provinciale, di cui Trento è il capoluogo e che nelle intenzioni avrebbe dovuto ospitare un inceneritore.

Grazie per l'attenzione.

Lucia Coppola
Cons. comunale Verde a Trento

 

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  

SUL TEMA
DELLA GESTIONE
RIFIUTI E SUL
PIANO PROVINCIALE
IN DISCUSSIONE
ved anche il
DIBATTITO
di venerdì
28 febbraio 2014

 

   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su