verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Trento, 6 ottobre 2013
LE NOSTRE BIBLIOTECHE, CHE TESORO
di Lucia Coppola, candidata per gli Ecologisti e civici e Verdi europei
dal Trentino di domenica 6 ottobre 2013

In questi giorni si è fatto un gran discorrere di biblioteche, a partire dal bel progetto di Botta relativo alla biblioteca universitaria, ormai, pare, accantonato definitivamente. Se ne va il libro aperto sulla città e sul fiume, il tempio laico, come era stato definito da qualcuno, che avrebbe, con la sua maestosità architettonica e la sua nobile funzione, completato il quadro culturale in quella zona della città, insieme al Muse, all'università e alle Albere di Renzo Piano.

Non sono più i tempi. Si è anche felicemente conclusa, qualche giorno fa, la bella manifestazione “Medita”, la mostra dell'editoria trentina, che ha visto editori, autori e librai incontrare i lettori: molti, interessati, partecipi. Un merito importante e universalmente riconosciuto va certo alle nostre tante biblioteche, a quella meravigliosa comunale di Trento e a tutte le altre che, in circoscrizioni, città e paesi, svolgono la loro missione di aprire nuovi orizzonti, e le menti, di tutti noi che le frequentiamo.

La biblioteca è per tanti il rito collettivo della pausa dalla vita frenetica, è il silenzio, il frusciare lieve delle pagine, l'odore di caffè al mattino, la lettura dei quotidiani. Risponde al bisogno intimo e personale della lettura ma in una dimensione collettiva: in biblioteca non si è soli.

Nel mio lavoro di maestra ho accompagnato spesso i bambini in biblioteca. Loro amano frequentarla ed è bene che imparino presto, quando sono ancora molto piccoli ma, già detentori di tessera, sono in grado di comprendere e apprezzare, di acquisire dimestichezza coi luoghi condivisi della cultura e del sapere. I libri ci accolgono, disposti negli scaffali a tema o sui tavolini che invitano a una prima, veloce ricognizione, per sfogliarli e intuirne i contenuti. In Trentino sono raccolti e catalogati con cura, messi in rete e l'offerta è ovunque diversificata, di qualità e aggiornata. Il personale è preparato e formato.

La biblioteca rappresenta l'ordine gentile nel disordine creativo della fantasia e della ragione. Questa mia lunga e appassionata prolusione vuole essere un invito forte a chi ci amministra a salvaguardare questo patrimonio, che già dal 1700 caratterizzava la nostra provincia ed è luogo di complicità, collaborazione, equità e uguaglianza. Di solidarietà, per uomini e donne di classi sociali diverse che possono avere accesso ai saperi. La qualità raggiunta, di luoghi e opportunità, dalle 197 biblioteche provinciali, pubbliche, private, speciali, il prestito interbibliotecario, la digitalizzazione, l'aggiornamento in itinere sono obiettivi da ribadire e sostenere economicamente e culturalmente. Perché con la cultura non solo “si mangia”, ma si dormono anche sonni più tranquilli, si costruisce cittadinanza, coesione sociale, rispetto. I numeri parlano da soli: prestiti annuali per 1 milione e seicentomila tra libri e documenti, frequentazione da parte di 150 mila turisti all'anno. Fonti, documenti, accoglienza sono a disposizione di studenti e studiosi.

Ora, la crisi economica fa prospettare anche nella nostra provincia tagli e ridimensionamenti: storicamente si parte sempre da ciò che si ritiene, forse sbagliando, meno importante, meno essenziale. Si pensa di ridurre gli investimenti sul catalogo unico, sui prestiti interbibliotecari, introducendo la tessera a pagamento, cioè la tariffazione del prestito. Proprio in un momento così delicato e difficile per tante famiglie.

Penso che ottimizzando l'esistente con valutazioni accurate, cercando opportune collaborazioni tra pubblico e privato, spostando risorse da capitoli di spesa meno importanti in una revisione complessiva dei costi della pubblica amministrazione e della politica, si possa conservare e valorizzare questo bene comune prezioso che è rappresentato dalle biblioteche. Investendo anzi sul sistema bibliotecario, sull'istruzione per i giovani e i ragazzi, sull'educazione permanente.

Perché le biblioteche, tutte, sono amiche dei cittadini e della buona politica e sabato 5 ottobre lo dimostreranno con la celebrazione in tutta Italia del Bibliopride, cioè dell'orgoglio delle biblioteche e dei bibliotecari.

Lucia Coppola
candidata per gli Ecologisti e civici e Verdi europei
 

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  


elezioni provinciali
27 ottobre 2013

 

   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su