verdi del trentino
    Lucia Coppola - attività politica e istituzionale
   

  Legislatura provinciale
2018-2023
attività consiliare

Comune di Trento
dal 2008 al 2018
attività consiliare

articoli
dalla stampa
dal 2014 al 2020

articoli
dalla stampa
dal 2008 al 2013

   
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

     

Trento, 5 novembre 2008
AMBIENTE E CULTURA A RISCHIO
CON IL GOVERNO BERLUSCONI

di Lucia Coppola, candidata dei Verdi e Democratici del Trentino


Il voto di domenica prossima nove novembre dovrà necessariamente fare i conti con i due grandi sommovimenti che hanno scosso la scena politica nazionale e locale nelle ultime settimane: la contestatissima contro riforma Gelmini, sulla quale mi sono espressa in più occasioni, e la presa di posizione del governo Berlusconi sulle emissioni di CO2, il surriscaldamento del pianeta, il protocollo di Kyoto.

Dunque, ambiente e cultura, nodi importantissimi e dai quali anche il futuro governo del Trentino non potrà prescindere. Ciò che  emerge in modo lampante è che questo governo nazionale, e di converso quello della Provincia nella malaugurata ipotesi che dovesse vincere Divina, non hanno tra le loro priorità né il nostro bellissimo e già pesantemente compromesso territorio, né il futuro delle nuove generazioni a cui si nega il diritto all’istruzione, alla piena occupazione, alla salute. Ma anche al godimento della bellezza, in tutte le sue forme ed espressioni, e all’armonia.

Quella che ci viene da buone politiche ambientali, da buone relazioni tra persone, da qualsiasi latitudine provengano, dall’ attenzione e dalla cura nei confronti delle nuove generazioni. La riforma degli Atenei, sulla quale forse si farà, almeno per i momento, marcia indietro, l’introduzione del maestro unico “tuttologo”, la scuola del mattino che lascerà i nostri bambini incustoditi  o affidati a baby-sitter o a costose scuole private, sostenute con i soldi pubblici, tutto questo gioco allo sfascio ci consegnano l’immagine di un paese che sta paurosamente arretrando. Al punto di reintrodurre le classi differenziali, sulla base dell’appartenenza etnica, in un rigurgito razzista e xenofobo insopportabile.

Sul tema dell’ambiente sarà necessario riconsiderare l’ipotesi della costruzione dell’inceneritore, pericolosa e costosa macchina mangia rifiuti, destinata ad emettere emissioni dannose per la salute dei cittadini e a lasciare comunque sul terreno un 30% di residui altamente tossici. L’equivalente di quanto potrebbe essere smaltito in discarica alla fine di un percorso virtuoso di raccolta differenziata porta a porta. Non è più il tempo delle decisioni destinate ad accontentare bisogni “immediati”, ma di progettare su tempi lunghi, con competenza e saggezza, con umiltà e atteggiamento di ascolto, mettendo al primo posto l’interesse dei cittadini amministrati e il loro diritto ad una buona vita.

Quanto alle emissioni di CO2, è ormai conclamato che la tesi  governativa sui costi che il nostro paese pagherebbe se si mettesse al pari con le altre nazioni civili e responsabili d’Europa, è priva di alcun fondamento.

Non sarà il pacchetto clima-energia a produrre nuovi costi economici, ma proprio la sua non applicazione. I costi finanziari, sanitari e sociali dovuti ai cambiamenti climatici e all’inquinamento sono pari infatti a circa 22 miliardi di euro l’anno, l’1,3 %del Pil, a cui si aggiungeranno quelli della multa (oltre 2miliardi l’anno) per la mancata applicazione del Protocollo di Kioto.

Parliamo del traffico e dei costi dell’aria malata che ingenerano malattie e dunque ore lavorative perse, oltre alle spese mediche; parliamo della congestione della mobilità  e del tempo perso in auto da passeggeri e merci, degli incidenti; parliamo  dell’acqua, sempre più razionalizzata per l’aumento della temperatura e della siccità, della sua dispersione; parliamo dell’agricoltura e dei danni immani che ne derivano a causa del surriscaldamento, incendi compresi; e infine parliamo del dissesto idro-geologico, causato da fenomeni metereologici estremi, del costo degli impianti di climatizzazione. Insomma la situazione è tutt’altro che rosea, siamo davvero a un punto critico, e sarà il caso di porci rimedio sfiduciando coloro che a livello nazionale e locale lavorano contro i nostri legittimi interessi.

Lucia Coppola
candidata dei Verdi e Democratici del Trentino

      Lucia Coppola

LUCIA COPPOLA

BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
   

© 2000 - 2020
VERDI DEL TRENTINO

webdesigner:

m.gabriella pangrazzi
 
 

torna su