verdi del trentino
    Ruggero Pozzer - attività politica e istituzionale
   

torna a precedente

   

 HOMEPAGE

  I VERDI
  DEL TRENTINO

  
  CHI SIAMO

  STATUTO

  REGISTRO CONTRIBUTI

  ORGANI E CARICHE

  ASSEMBLEE
  CONFERENZE STAMPA
  RIUNIONI


 ELETTI VERDI

  PROVINCIA DI TRENTO

  COMUNITÀ DI VALLE

  COMUNE DI TRENTO

  ALTRI COMUNI


 ELEZIONI

  STORICO DAL 2001


 ARCHIVIO

  ARTICOLI

  DOSSIER

  CONVEGNI

  INIZIATIVE VERDI

  PROPOSTE VERDI

  BIBLIOTECA

  GALLERIA FOTO

  

 
 

Rovereto, 22 dicembre 2008
Natale, le discutibili iniziative di Rovereto
di Ruggero Pozzer, dal Trentino di lunedì 22 dicembre 2008

Continuo a vivere come ingiustificabile l’amministrazione di Rovereto nel suo rimprovero ai parroci cittadini. I sacerdoti hanno ricordato la tristezza della condizione economica di tanti roveretani e come ciò sia in contrasto con il facile utilizzo di soldi pubblici per iniziative natalizie quantomeno discutibili.

Qui la questione non è centrata sulla laicità delle istituzioni. Non c’entra nulla la connivenza tra fede e politica. Non abbiamo assistito ad una richiesta di devozione. Non abbiamo visto preti chiedere alla politica di inchinarsi. Abbiamo sentito solo l’ammonimento di chi per scelta di vita ha voluto stare vicino ai più piccoli, ai più bisognosi, a coloro per i quali il Natale è forse solo un momento difficile dell’anno.

La difficoltà dell’amministrazione roveretana ad accettare critiche è oramai ben nota ma è quantomeno fastidiosa se questa giunge fino a rimandare al mittente una richiesta di attenzione ai deboli. Soprattutto se questa giunge dai parroci roveretani. Stessa contrapposizione ho vissuto nei giorni scorsi presso la Campana dei Caduti alla conferenza sul Natale proposta da don Marcello Farina, con la presenza del sindaco Valduga. Esempio di coinvolgimento il ragionamento del sacerdote con evidente la sobrietà e la sapienza di chi sa trarre l’essenza delle cose riportando estremi diversi, il sacro ed il profano, il teologo ed il filosofo laico. Padre Farina cita Simone Weil interprete dell’universalismo religioso che sostiene la verità in ogni religione.

Una offerta di apertura che non si ferma all’ecumenismo ma va oltre e ricerca la verità nelle differenti visioni. Esempio di autoreferenzialità invece la presentazione del sindaco, immediatamente pronto a tuonare contro la rappresentanza nella Consulta provinciale degli studenti. Secondo il sindaco i giovani dovrebbero dimenticare gli interessi propri della loro età ed adeguarsi alle tante offerte culturali che lui impone a Rovereto.

L’atteggiamento di chi è sempre nel giusto è poi proseguito con la critica alla stampa locale rea di aver sostenuto le giuste osservazioni dei giovani, dimenticati nelle offerte del Comune. E tra le tante offerte che l’amministrazione impone alla città “godiamoci” in questi giorni il Natale dei Russi da 225 mila euro. Il Natale di Caritas, dei bisognosi e dei giovani può stare in attesa e non deve impicciarsi.

Ruggero Pozzer - Rovereto

 

  Ruggero Pozzer

RUGGERO POZZER


BIOGRAFIA
E CONTATTI


  
 
 

torna su